Cervia, Silvano Collina ricordato nel giorno del suo centenario

Genialità, arte, inventiva, fantasia. Sono alcune delle qualità dell’albergatore che ha segnato la storia degli anni Sessanta e Settanta: Silvano Collina. Lunedì ricorre il centenario dalla sua nascita e Confcommercio Ascom promuove un incontro dedicato a lui, l’istrionico, il visionario, l’imprenditore che fece conoscere Cervia in tutto il mondo con le sue iniziative. La “Marinata di primavera” attirò i giornalisti europei, uniti nell’impresa di pescare lo sgombero sulle barche dei pescatori, armati di un filo di nylon con l’esca (la “togna”). La “Pola Cervia” coinvolse invece i campioni internazionali dello sci nautico, per battere il record della Pola – Cervia, trainati da motoscafi sempre più potenti. Ma come detto a Collina va anche assegnato il ruolo di valente artista, avendo confezionato opere che via via passarono alle installazioni, conquistando il favore dei critici. Del tutto rivoluzionarie alcune sue idee, come quella di piazzare all’imboccatura del Porto canale il cacciatorpediniere “Garibaldi”. Oppure un concorso di pittura con le vele al terzo come tele.

L’hotel Bellevue

Magico il suo quartier generale, l’hotel Bellevue di Milano Marittima, una costruzione avveniristica che ospitò personaggi come il critico Giulio Carlo Argan, il pugile Nino Benvenuti, il cantante Lucio Battisti e lo scrittore Giovannino Guareschi. La sottostante “Taverna dei pirati” fece scuola, con le sue pirotecniche serate fatte di incontri musicali, improvvisazioni teatrali e anche toreate. Il tutto in un ambiente mondano che trasudava vitalità ed eleganza. Mitici infine i cocktail party in spiaggia, con il pianoforte che suonava nell’acqua, gli ospiti immersi fino alla cintola per mangiare, Silvano con i calzoni bianchi infradiciati fino alla coscia. Un giorno ospitò nell’albergo un turista inglese con la famiglia, e venne fuori che vent’anni prima era il capo missili del sommergibile britannico responsabile dell’affondamento di una nave cisterna tedesca, cui il cacciatorpediniere di Collina faceva da scorta. L’albergatore ne era il capo cannoniere, e rispose al fuoco mancando di poco il sottomarino nemico. Dopo avere scoperto l’arcano Collina e Frederick Bailey si abbracciarono, immortalati dai flash dei fotografi.

L’evento

L’appuntamento è alle 17.30, con gli interventi del sindaco Massimo Medri, del presidente Confcommercio Cervia Nazario Fantini, del direttore Cesare Brusi, del presidente Federalberghi Gianni Casadei, dello storico Renato Lombardi, del giornalista e scrittore Massimo Previato, dell’ex presidente dell’Apt Ermanno Zattoni e del barman Peppino Manzi. All’incontro saranno presenti anche i figli Monica, Barbara e Cesare Collina, cui sarà consegnata una targa in ricordo del padre. Conduce Norberto Midani.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui