Cervia, ruba nel locale in cui lavorava. Ex cameriera in manette

E’ entrata di notte nel ristorante in cui aveva lavorato fino a poco tempo prima e ha rubato alcune bottiglie di vino. Fuori pensava di trovare alcuni ex colleghi con i quali – così ha detto – avrebbe concordato di festeggiare il Ferragosto, bevendo a spese del locale derubato. Invece ha trovato l’ex datore di lavoro, che ha chiamato i carabinieri e l’ha fatta arrestare. La “bravata” di una notte è costata cara a una cameriera di 34 anni. Incensurata e senza precedenti, almeno fino alla notte tra sabato e domenica scorsi, ora deve rispondere di furto aggravato e minaccia. Ieri, assistita dall’avvocato Andrea Valentinotti, è comparsa davanti al giudice Antonella Guidomei, decidendo di rispondere alle domande e dare una propria versione di quanto accaduto. Lei ha incolpato i dipendenti del ristorante. «Mi hanno incastrata» ha detto al magistrato fornendo una propria ricostruzione dei fatti: ha raccontato di essersi incontrata casualmente a un chiosco di piadina vicino al locale con due ragazzi ancora dipendenti del locale; sarebbe stata loro, ha sostenuto, l’idea di entrare e rubare alcune bottiglie. E le avrebbero anche fornito le chiavi affinché entrasse lei. Quando è uscita con le bottiglie in mano (due ha detto lei, quattro quelle sequestrate dai carabinieri della locale Compagnia) è stata arrestata.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui