Il Sindacato Ristoratori Ascom Cervia ha aderito alla petizione on-line “Ora basta, lasciate lavorare le nostre imprese!” lanciata da Confesercenti e Confcommercio della provincia di Ravenna per convincere le Istituzioni a cambiare registro: nel rispetto delle misure di sicurezza in vigore, tutti i settori del commercio, dei pubblici esercizi e dei servizi alla persona devono poter rimanere aperti. Una volta che gli associati delle due realtà avranno appeso gli striscioni alle proprie attività, spiega una nota, “la città darà un forte segnale di unione pacifico per chiedere maggiori tutele e misure più coerenti per fronteggiare il drammatico periodo”.

Argomenti:

cervia

coronavirus

ristoratori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *