Cervia, batteri oltre i limiti: divieto temporaneo di balneazione

Da ieri pomeriggio è proibito fare il bagno al mare nel tratto di litorale da Cervia fino a Tagliata. Il divieto di balneazione stabilito da un’ordinanza urgente firmata dal sindaco Massimo Medri è dovuto all’esito delle analisi e dei campionamenti fatti nei giorni scorsi nella zona a sud della costa cervese, che ha mostrato una concentrazione batterica di colibatteri superiore al limite massimo consentito. Rimane esclusa dall’ordinanza la spiaggia a nord del porto canale, dunque da Milano Marittima fino a Lido di Savio.

Il litorale Cervese è infatti suddiviso in “comparti”, separati dal canalino. Ecco perché i valori sballati in nel tratto di Tagliata hanno comportato la chiusura anche della zona confinante a nord, fino alla fine del comparto di Cervia. In tutto, si parla di un’estensione di oltre 5 chilometri.

I primi avvisi lungo l’arenile sono comparsi ieri pomeriggio, quando il personale della Capitaneria di Porto ha iniziato a posizionare i cartelloni.

I livelli di concentrazione batterica in mare potrebbero essere dovuti al caldo di questi giorni, fattore che in determinate circostanze influisce sulla presenza di batteri in acqua. Il provvedimento non ha al momento una data di scadenza, ma è probabile che duri finché il prossimo campionamento non mostrerà valori entro la norma, cosa che potrebbe accadere già in questi giorni.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui