Cervia, addio “Bella Napoli”. Chiude lo storico locale

Chiude il ristorante “La bella Napoli” e con esso viene meno una tappa obbligatoria nel percorso gourmet locale. Aperto negli anni sessanta, il locale era gestito dal 2008 da Cristian Lettieri, esperto di menù e specializzato nella cucina di pesce. Il suo successo era culminato nel 2016, con la assegnazione del premio promosso dalla associazione “Amici della braciola – amanti della tagliatella”. Poi il covid e il lockdown hanno drasticamente tagliato i posti a tavola, mentre dopo l’estate non è arrivata la svolta sperata, per proseguire l’attività.

Parla il titolare

«Sono molto dispiaciuto e addolorato – afferma a caldo Lettieri, che oggi inizia lo sgombero del locale di viale Volturno -, ma ho dovuto fare altre scelte. Il rischio era quello di sprecare quanto avevamo fatto in precedenza, e quindi è stato meglio fermarsi prima. Si chiude un capitolo bellissimo della mia vita, legato anche a un figlio che è nato durante questa gestione. Ora mi sto guardando attorno, e devo dire che la spiaggia rappresenta una offerta allettante per la ristorazione». Nel frattempo continuerà a gestire il bar del viale Roma, intitolato “Effimero”, dove gli affari vanno bene. «La location vicina al centro è ottima – sottolinea –, e inoltre vanno forte gli apericena. Alla Bella Napoli è sempre andata bene, e al sabato sera facevamo il pieno, però la ristorazione cambia e occorre stare al passo con i tempi. In inverno non si può lavorare solo tre giorni alla settimana». Adesso i proprietari del ristorante dovranno cercare un altro gestore, capace di tenerne alto il nome, mentre Lettieri saluta i suoi tanti clienti («mi rendo conto solo ora di quello che ho creato»), e spera di poterli ospitare presto in un altro posto. Nel frattempo prende sempre più piede la ristorazione invernale in spiaggia, dove al posto degli ombrelloni nascono i capannoni, e con essi la possibilità di mettere a tavola migliaia di persone. Per i ristoranti dell’entroterra poco visibili si prospettano tempi duri, con il rischio di dover gettare la spugna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui