Centro storico sicuro con telecamere e app

Giugno mese caldo per la sicurezza urbana. Entro le prossime settimane saranno infatti ultimati e diventeranno pienamente operativi i progetti messi a punto dall’Amministrazione comunale per il controllo di aree nevralgiche della città, grazie all’adozione di sistemi di videosorveglianza avanzati.

È fissato per il prossimo 18 giugno, infatti, l’esame in Giunta del pacchetto “Città Protetta 2020”, tappa culminante dell’iter di un progetto da oltre 1 milione di Euro (di cui il 30% di finanziamenti ministeriali) che prevede la copertura del centro storico e di numerose vie limitrofe (ma non solo) particolarmente sensibili, attraverso l’installazione di circa 180 telecamere di sorveglianza e il rafforzamento del sistema di controllo “Targa System”.

«Il progetto che abbiamo messo a punto inizialmente è stato implementato in questi mesi con l’arrivo di nuove telecamere – spiega il vice sindaco, Daniele Mezzacapo – che verranno posizionate in via Anita Garibaldi, luogo particolarmente critico del centro storico soprattutto in orari notturni, al Parco Incontro nel quartiere di Ca’ Ossi e in via Fabbretti. L’utilizzo del sistema di videosorveglianza «in parte ereditato e in gran parte di nuova realizzazione – precisa il vice sindaco – si è rivelato fondamentale per la tutela dei cittadini in questi mesi, oltre che di supporto all’azione delle forze dell’ordine, e lo sarà ancora di più in futuro nell’attività di monitoraggio di tutte le vie del centro storico e di controllo delle direttrici in entrata e in uscita dalla città, anche grazie all’utilizzo di nuove applicazioni».

Tra queste c’è Falco, una App scaricabile gratuitamente su smartphone Android e Ios che consentirà di verificare se ci si trova in una zona videosorvegliata e di segnalare situazioni di potenziale pericolo con l’utilizzo di un semplice tasto. Altra novità in arrivo entro la fine dell’anno, il collegamento informatico tra tutte le sale operative delle forze dell’ordine, a Carabinieri e Polizia di Stato si aggiungeranno infatti Polizia Stradale e Guardia di Finanza. Infine, è in dirittura di arrivo anche il progetto delle “security body cam”, un alleato in più nell’attività svolta dagli agenti di Polizia Locale. Si tratta di microtelecamere, o telecamere da taschino, che saranno montate sulla divisa degli agenti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui