Catturato il caprone che vagava per Santarcangelo

Catturato il caprone che vagava per Santarcangelo. Si è conclusa ieri mattina l’odissea natalizia con un protagonista quantomeno singolare: un caprone dal vello nero che da qualche giorno macinava in lungo e in largo le vie di Santarcangelo. A segnalare il lieto fine è Sabrina Saccomanni, fondatrice di “4animals”, un’associazione che si occupa di animali, accordando un’attenzione tutta speciale a quelli non convenzionali. Il che ci riporta al caprone.

«Dopo qualche giorno l’esemplare è stato finalmente preso e messo in sicurezza – si rallegra Saccomanni – L’Asl veterinaria che ho contattato ha specificato che ora si trova sotto la gestione del sindaco, come animale vagante». Tirando un sospiro di sollievo per l’epilogo, Saccomanni ripercorre la vicenda che vedeva «da giorni il caprone a zonzo per Santarcangelo. L’assurdo è che – prosegue – venisse avvistato e fotografato affidando ai social commenti biechi, del tipo “ecco il mio ex” oppure “Chiamate Vittorio Sgarbi”, il critico d’arte solito offendere con l’espressione “caproni”. Peccato che – rimarca – nessuno abbia pensato ad allertare i soccorsi, neppure quando è finito nel cortile di una signora».

Poi ricorda i pericoli corsi dalla comunità clementina: «A partire dal rischio che l’animale, spaurito e infreddolito, caricasse qualcuno o finisse contro un’auto. In molti hanno puntato il dito sul buio che imperversa in città per l’accensione posticipata dell’illuminazione pubblica».

È stato avvistato alla rotonda della Coop, nel Borgo molto affollato per gli eventi natalizi «e persino immortalato sotto al “Pino di Natale”», ribadisce Sabrina. Quanto ai tentativi di recupero, spiega che non sono partiti subito, dovendo stabilire le competenze. Il Centro recupero animali selvatici non poteva entrare in scena, non rientrando un caprone tra gli animali selvatici e la Forestale, spiega, non è riuscita a catturarlo. La paura di tanti è che entrassero in gioco dei cacciatori. «Difficile stabilire da dove sia scappato l’animale, fermo restando che le ultime tendenze impongono di tenere in giardino caprette e portare a spasso polli al guinzaglio», scuote la testa Saccomanni.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui