Cattolica, la piccola pesca artigianale investe sul futuro “green”

CATTOLICA. La pesca artigianale diventa “green”, il piano per tutta l’Emilia-Romagna arriva dalla Regina. La cooperativa Mare di Cattolica, nell’ambito dei progetti finanziati dal Flag Costa dell’Emilia-Romagna guidato da Delta 2000, ha realizzato un piano per la gestione locale della piccola pesca e della fascia costiera.

Si tratta di norme di pesca che garantiscono una sostenibilità ambientale ed economica.

Un piano che prevede la regolamentazione dei giorni di pesca, delle aree, dei quantitativi, delle taglie minime, con particolare riferimento alla pesca con le trappole di lumachini, seppie e canocchie. Proprio su quest’ultima specie si sta concentrando l’attività di una parte della marineria, che ha sperimentato con successo una nuova trappola, efficace e più selettiva rispetto alle reti. Perché questa permette la cattura mirata, sia per specie che per taglia, con la possibilità di rigettare gli individui giovanili perfettamente vitali, garantendo il completamento del ciclo biologico.

«Con oltre 200 barche, la maggior parte delle quali svolge attività annuale, la piccola pesca artigianale è oggi il settore di punta della pesca dell’Emilia-Romagna, almeno in termini di dinamicità e prospettive. Una rivoluzione verde e insieme un ritorno alle origini, alle attività pescherecce tradizionali. Perché la piccola pesca artigianale è l’unico settore in crescita negli ultimi anni, con un discreto rinnovamento anche in termini generazionali. »

«La piccola pesca artigianale – afferma la Coop Mare – è svolta da pescatori – imprenditori che hanno meno di 40 anni, con barche piccole, di lunghezza media di 7 metri circa, che consumano molto meno carburante rispetto alla pesca a strascico e utilizzano reti e trappole meno impattanti, sia sulle specie bersaglio (lumachini, seppie, canocchie e sogliole) sia più in generale sugli ambienti marini.

La piccola pesca artigianale ogni anno sbarca oltre 2.000 tonnellate di prodotto ittico, per un valore di 1-2 milioni di euro. Non mancano ovviamente difficoltà, ma ampi sono i margini di crescita sostenibile, valorizzazione della produzione, avvio di attività integrative come pescaturismo e ittiturismo».

I risultati conclusivi del progetto, insieme ai risultati delle altre tematiche relative alle tendenze degli stock ittici nel medio-alto Adriatico e alla molluschicoltura trattate nell’ambito dell’Azione 4C del Flag Costa dell’Emilia-Romagna, saranno presentati il 7 marzo in occasione della partecipazione del Flag stesso a Sealogy presso Ferrara Fiere.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui