Cattolica, maxi sequestro della polizia sulla spiaggia

Cattolica, maxi sequestro della polizia sulla spiaggia

CATTOLICA. Blitz della Squadra nautica della Questura di Rimini sulla spiaggia della Regina. Agenti guidati dal comandante, il sostituto commissario Davide Santolini, venerdì mattina sono sbarcati, via mare, sulla spiaggia, ed hanno rastrellato il tratto di battigia che va dallo stabilimento 89 al 93. Creando lo scompiglio tra gli abusivi che hanno iniziato a darsela a gambe. E per farlo più in fretta hanno abbandonando sul posto centinaia di prodotti: dagli occhiali alle borse, per passare alle collanine, a capi d’abbigliamento da donna e cumuli di asciugamani. Diversa anche la merce contraffatta. L’operazione è stata una delle poche condotte conclusa con il sequestro della merce.
Il lavoro dell’Amministrazione
Come spiegano dal Comune «il fenomeno dell’abusivismo in spiaggia è molto minore rispetto al passato ed è sicuramente sotto controllo. Un calo evidente già l’anno scorso e che ora ha raggiunto i minimi storici».
L’attività dei venditori abusivi, infatti, è diventata molto più dura grazie all’operato della Polizia municipale che ha cambiato le proprie tecniche di “ingaggio”. «In città non risulta più presente un abusivismo sedentario – precisano a Palazzo Mancini -, chi intercettiamo, arriva da fuori ed una volta che vengono fermati, gli si fa il verbale e gli si sequestra le merce, tendono a non tornare ancora. Raramente li ritroviamo nei giorni successivi. Bisogna infatti considerare che 3 o 4 agenti, ogni giorno, sia al mattino che al pomeriggio, sono di pattuglia sulla spiaggia».
Si spiega anche così perchè i sequestri fatti fino ad ora sono di piccola entità. «Stiamo raccogliendo i frutti dei controlli fatti negli ultimi 5 anni – concludono dal Comune -. Importanti sono risultate le verifiche che hanno coinvolto anche gli appartamenti dati in affitto, a volte fatiscenti e sovraffollati, dove viveva chi poi andava a vendere in spiaggia. Un risultato confermato anche dalle parole dei turisti e degli operatori turistici».

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *