Cattolica, assedio delle antenne tra cimitero e casa del pescatore

Una nuova antenna telefonica a Cattolica nella zona del cimitero. La richiesta è stata depositata dal gestore telefonico interessato al Comune di Cattolica poche settimane fa. L’installazione dell’infrastruttura è prevista in viale delle Rimembranze, presso il cimitero comunale. L’atto, depositato presso l’ufficio Sportello Unico Attività Produttive, è stato pubblicato ieri sul sito del Comune e ora ci saranno 30 giorni di tempo per le osservazioni.

Violina in allerta

Un mese fa l’amministrazione comunale aveva deciso di resistere in giudizio sul ricorso presentato al Tar da parte della compagnia Wind dopo il diniego, da parte dell’ente pubblico, a installare un’antenna sopra la Casa del pescatore. Nella scorsa estate c’era stata una protesta da parte degli abitanti del Quartiere Violina alla notizia dell’arrivo di un impianto che la compagnia Wind Tre aveva in previsioni di installare, dopo il periodo delle osservazioni di legge, sul tetto dell’immobile via Toti. Ma ad oggi quell’impianto non è mai spuntato sopra l’immobile cattolichino.

La battaglia al Tar

A gennaio di quest’anno il Suap ha comunicato al gestore il non accoglimento della richiesta di autorizzazione “sulla scorta del parere contrario reso dalla Commissione per la qualità architettonica ed il paesaggio”. Il provvedimento del Suap così come il parere della commissione sono stati impugnati al Tar dal gestore telefonico. Poi la decisione del Comune di resistere in giudizio.

Nel frattempo, le richieste di nuove antenne non si fermano: a fine aprile era stata depositata al Suap l’istanza per la realizzazione di una nuova antenna Vodafone, sopra un hotel di via Carducci.

Ma negli ultimi due anni sono state diverse le richiesta di installare nuovi impianti di telefonia sopra le coperture degli hotel della zona mare e porto. In uno degli ultimi report Arpae, era stata segnalata nella Regina la presenza di 35 antenne telefoniche, prima delle istanze depositate a partire dal periodo Covid. L’amministrazione comunale aveva approvato un protocollo per fare eseguire annualmente all’Agenzia Regionale una campagna di monitoraggio dei campi elettromagnetici prodotti dagli impianti di telefonia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui