Cantiere poetico di Santarcangelo, ultima giornata

Si è “rivoltata” la poesia a Santarcangelo, è insorta e si è liberata, lo ha fatto coi bambini nelle scuole, nelle piazze, nei teatri, nella Casa della Poesia, inaugurata per l’occasione: l’ottavo Cantiere poetico dal 2 all’8 novembre, dedicato quest’anno ai più piccoli, protagonisti e fruitori, guidati da innumerevoli esperti-maestri, scrittori, poeti, registi, autori, attori, noti in Italia e all’estero. Tanti i partecipanti, un pubblico attento che ha sempre gremito gli spazi dedicati.

Sei giorni di laboratori, incontri, letture, reading poetici, mostre, allestimenti, parate, spettacoli che, facendo seguito a un lungo preliminare lavoro nelle scuole, hanno caratterizzato la “città della poesia” patria di sei poeti (Guerra, Baldini, Pedretti, Fucci, Rocchi, Nicolini) che hanno segnato la storia della letteratura del ‘900. A invaderla sono stati i nuovi “custodi della poesia” i bambini che crescendo si porteranno dentro l’esperienza unica di aver fatto proprie le parole che vengono dall’anima. L’anima dell’umanità, delle genti, della comunità, della propria terra che la poesia tiene alta e fa vibrare. Ed è accaduto anche con le parole espresse nella lingua madre, quel dialetto che i poeti contemporanei stanno tenendo vivo e che gli alunni hanno da questi potuto ascoltare direttamente a scuola. Scoperta curiosa: non tutti ne sono a digiuno e il santarcangiolese è ancora acceso sotto la brace della lingua italiana parlata e scritta. Conferma emersa da più parti nell’ambito degli eventi in programma, non ultimo il laboratorio tenutosi per la creazione dello spettacolo in scena oggi, alle 10.30 al Teatro Lavatoio, che sarà ancora una volta colorato dalle voci di varie scolaresche coi loro insegnanti ai quali va il plauso di essersi fatti coinvolgere e catturare dal progetto del Cantiere. È Il Teatrino di Raffaello Baldini a chiudere l’ultimo atto del festival messo in scena con una classe della scuola Pascucci, le creazioni di Francesca Ghermandi, l’interpretazione di Nicoletta Fabbri, l’ausilio di Rosanna Lama diretti da Gianluigi Toccafondo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui