Castel San Pietro. La Finanza scova 20 furbetti dei buoni spesa

I finanzieri del comando provinciale di Bologna, nell’ambito del dispositivo di vigilanza predisposto per far fronte all’emergenza sanitaria, economica e sociale in atto, hanno eseguito oltre 300 controlli su altrettante famiglie di Castel San Pietro Terme e loro componenti, beneficiarie dei buoni spesa erogati dal Comune. Il servizio, condotto nello specifico dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Imola, hanno permesso di accertare la presentazione da parte di 20 persone di autocertificazioni con dati non veritieri in ordine alla posizione reddituale e quindi non compatibili con i requisiti per ottenere i buoni spesa. Nel corso dell’attività, inoltre, è emerso che uno dei richiedenti stava percependo indebitamente anche il reddito di cittadinanza. Per questo motivo lo stesso è stato deferito alla procura della Repubblica di Bologna. Le irregolarità riscontrate saranno sanzionate amministrativamente per un valore pari all’indebito importo percepito, che può superare i 500 euro, e saranno segnalate al Comune di Castel San Pietro Terme per il recupero dei contributi erogati.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui