Castel Bolognese, “devo uccidere qualcuno”: fermato dai carabinieri

I carabinieri hanno arrestato per i reati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale un 48enne residente a Imola ma domiciliato a Castel Bolognese.

La vicenda prende avvio l’altra sera quando al numero di emergenza “112” è giunta una telefonata di richiesta di supporto in quanto personale del 118, nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Castel Bolognese, stavano affrontando il 48enne che risultava in evidente stato di agitazione.

In particolare l’uomo continuava a urlare e a dire che voleva uccidere qualcuno.

Al loro arrivo sul posto, i militari hanno provato ad avvicinarsi garbatamente chiedendogli se avesse bisogno di qualcosa, ma l’uomo, alla vista delle divise, non faceva accenno a tranquillizzarsi. Anzi, ha iniziato a inveire contro l’equipaggio del radiomobile, dicendo al capoequipaggio una serie di frasi ingiuriose e minacciose quali “stasera finisce male per te”, “ucciderò tutti voi”.

Non riuscendo a calmarlo l’equipaggio della pattuglia ha quindi deciso di immobilizzarlo e di portarlo in caserma. In seguivo veniva contattato telefonicamente il pm di turno, Marilù Gattelli, e si procedeva per l’arresto. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per lo stesso tipo di reati, è stato infine condotto in tribunale a Ravenna per il rito direttissimo. Qui il gip ha convalidato l’arresto e collocato l’uomo agli arresti domiciliari presso una comunità di Tivoli.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui