Cassani dal Panathlon Cesena “lancia” la tappa del Giro

Enzo Jannacci diceva di avere tanta strada nei suoi sandali mentre aspettava Bartali, con quel naso triste da italiano allegro. Dionigio Dionigi invece aspettava Mario “Gaibera” Vicini al traguardo di Cesena. Storia di qualche anno fa: «Era il 1946 – ricorda il presidente del Panathlon Club Cesena – feci buco a scuola insieme al mio amico Paolo Ceccarelli per andare a vedere il primo arrivo del Giro d’Italia a Cesena. Tifavamo per “Gaibera” Vicini, ma vinse Olimpio Bizzi».

Riecco il Giro

Domenica 14 maggio 2023 il Giro d’Italia torna protagonista sulle nostre strade con la cronometro individuale Savignano-Cesena, 33.6 km fino al traguardo del Technogym Village. Un evento celebrato venerdì sera dal Panathlon Club Cesena a Ponte Giorgi in una serata condotta con 150 ospiti da Giorgio Martino, con protagonisti l’ex ct Davide Cassani e il sindaco Enzo Lattuca. Insieme a loro, il vice sindaco Christian Castorri e tanti ex ciclisti romagnoli come Roberto Conti, Marcello Siboni, Claudio Savini, Guido Neri, Franco Magnani e Riccardo Dall’Ara. «Cesena si tinge ancora di rosa e ne siamo fieri – ha detto Dionigi – Il rosa esalta il fisico energico di una città da sempre abituata a pedalare con vigore. Ed a presentare questa serata non poteva che essere Giorgio Martino, che vanta un curriculum di 30 Giri d’Italia per la Rai e 36 anni di Panathlon Club Cesena insieme a noi».

Il sindaco

Così il sindaco Enzo Lattuca: «Il 14 maggio sarà una grande festa nel segno della bici, un mezzo di trasporto che appartiene alla nostra storia e che vogliamo sempre più riscoprire per pedalare in sicurezza sulle nostre strade, con infrastrutture all’altezza di una città come Cesena».

La cronometro attraverserà il cuore della città e il sindaco diventa una sorta di google maps a dimensione umana: «I ciclisti entreranno dalla “coda dello scorpione” da Porta Santi e poi si tufferanno in centro attraverso Corso Comandini e Piazza della Libertà, poi a destra lungo Corso Sozzi, imboccando Corso Cavour contromano, quindi proseguiranno per il viadotto Kennedy e sfrutteranno via Boscone come collegamento per la parte finale in via Calcinaro. Sarà una festa per tutti e direi che anche il 2024 del ciclismo promette bene….».

Cassani e il Tour

Il sindaco lancia un chiaro assist a Davide Cassani, che nel suo ruolo di presidente dell’Apt Emilia-Romagna è tra i motori dell’operazione che porterà l’atto iniziale del Tour de France in Italia (e in Emilia-Romagna) nel 2024. «Stiamo lavorando in questo senso – ha ribadito Cassani – per avere due tappe, due tappe e mezzo del Tour in Italia e siamo fiduciosi. Intanto però concentriamoci sul Giro 2023: quella di Cesena sarà una cronometro tosta, perché di oltre 30 km, una crono lunga che segnerà la fine della prima settimana di corsa. Chi vince a Cesena? Dovrebbe esserci Ganna, uno che automaticamente diventa il favorito, poi attenti a un giovane campione del mondo come Evenepoel se come sembra sarà della corsa. Tra gli italiani dico anche Damiano Caruso, che che potrebbe giocare un ruolo importante in questa cronometro».

Cassani ha poi chiuso con un omaggio al Panathlon e ai veterani del ciclismo: «Vengo alle vostre serate da 30 anni e vedo sempre gli eterni Dionigi, Buda, Martino… I sindaci passano, ma voi siete sempre qui. Il ciclismo è pieno di grandi storie in Romagna, come il mio amico Franco, che ha 95 e fa ancora 100 km in bici. Evidentemente il ciclismo fa bene alla salute, così vi anticipo che ci rivedremo ancora tra 20 o 30 anni, e ci saremo io, Dionigi, Buda, Martino…».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui