Caso Bio-on, nominato custode giudiziario. Lunedì gli interrogatori

CASTEL SAN PIETRO. Sono stati fissati per lunedì mattina, a partire dalle 9.30 in Tribunale a Bologna, gli interrogatori di garanzia per il presidente della Bio-on, agli arresti domiciliari e per gli altri dirigenti nei confronti dei quali sono state disposte delle misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta sull’azienda Bio-on con sede legale a San Giorgio di Piano e stabilimento produttivo a Castel San Pietro. Inchiesta della guardia di Finanza che li vede indagati assieme ad altre sei persone per falso in bilancio e manipolazione del mercato. A tutti gli indagati sono stati sequestrati a titolo preventivo beni personali per circa 150 milioni di euro. L’inchiesta che ha decapitato i vertici dell’azienda di lavorazione delle plastiche di riciclo, quotata in Borsa, si è abbattuta come una scure sul titolo. Intanto il Tribunale di Bologna ha nominato il custode giudiziario dell’azienda ormai senza dirigenza, una mossa che prelude a un plausibile commissariamento. I sindacati, invece, entreranno per la prima volta in azienda, precedentemente ogni tentativo era stato vano. Per analizzare la situazione con i lavoratori, un centinaio di cui 50 solo nello stabilimento produttivo castellano che continua a lavorare, è stata convocata un’assemblea che si terrà nello stesso sito produttivo in località Gaiana oggi dalle 15 alle 17.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui