RIMINI. Venerdì 14 febbraio si “festeggia” anche un San Valentino particolare, quello tra Federico Fellini e la sua città, Rimini. Un amore travagliato, con delusioni e “tradimenti” da entrambe le parti. Il “party” è organizzato da Panozzo editore che ha appena dato alle stampe “…ma la casa mia ‘n dov’è? Fellini e la casetta sul porto”, dell’architetto Giorgio Franchini. Il libro, non la casa. Perché se fosse stata di Franchini, probabilmente quella casetta sul porto che gli amici riminesi del genio del cinema volevano donargli, non solo sarebbe stata goduta in vita dal regista e dalla moglie Giulietta, ma sarebbe ancora nella disponibilità degli eredi.
La generosità dei “vitelloni” riminesi, capitanati da Arpesella del Grand Hotel, si era tradotta nella volontà di acquistare una casetta sul porto canale e donarla a Federico che aveva espresso la volontà di ritirarsi a Rimini, per passare la vecchiaia laddove era nato. Era il 1983 e Fellini era tornato a casa per presentare il suo ultimo film “E la nave va”. Grande festa al Grand Hotel, diretta Rai e cotillon. Franchini fu tra gli organizzatori e prese a cuore anche l’altro omaggio della città, quello più concreto della casetta. Trattative, progetti, contatti andarono avanti per anni, senza riuscire a concretizzare il sano proposito. L’iniziativa privata degli amici non trovò appoggio nel “pubblico” e tutto naufragò con la morte di Arpesella.
L’autore racconta l’accaduto nel libro, per filo e per segno: nessuno ne sa quanto lui, tanto che alcuni testimoni e protagonisti dell’epoca gli hanno confessato di saperne la metà. Da allora si parla ingenerosamente di “bidone” o quantomeno di “scherzo” ai danni di Fellini. Ne viene fuori uno spaccato della Rimini anni 80 e 90 che riemergerà sicuramente domani pomeriggio venerdì 14 febbraio nella Sala del Giudizio del museo di Rimini: dalle 17.30 la presentazione del libro di Franchini in dialogo con lo storico Davide Bagnaresi e il giornalista Pietro Caruso.

Argomenti:

Federico Fellini

Salvatore Barbieri
About the Author

Giornalista professionista dal 1988. Ha lavorato al Messaggero, alla Gazzetta di Pesaro, alla Gazzetta delle Dolomiti e ha collaborato con Ansa, Aga, Specchio, La Stampa, America Oggi. Attualmente è vice caposervizio della redazione Cultura & Spettacoli del Corriere Romagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *