Casapound sul Coronavirus: «Globalizzazione la vera colpevole»

CESENA. La colpa del coronavirus? Per Casapound è delle frontiere spalancate. Due notti fa, anche a Cesena, come in un centinaio di città italiane, sono stati appesi striscioni col simbolo della tartaruga frecciata e la scritta “Il paziente zero è la globalizzazione”. I militanti della formazione di destra sostengono che quanto sta accadendo «non è semplicemente dovuto a superficialità ma è l’effetto di un’ideologia nefasta, che ha da tempo rinunciato a qualsiasi difesa della sovranità nazionale per assecondare le peggiori pulsioni globaliste. Un’ideologia che ha permesso che il 23 gennaio a epidemia già in corso si facessero atterrare a Fiumicino oltre 200 passeggeri provenienti direttamente da Wuhan e che si interrompessero i voli dalla Cina solo dopo i primi 3 contagiati in Italia, ma senza alcun controllo sulle triangolazioni».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui