Casa Artusi si prepara a festeggiatre 15 anni di attività

Compleanno speciale per Casa Artusi e per l’Associazione Mariette a Forlimpopoli, che quest’anno tagliano il traguardo dei 15 anni di attività e lavoro nella promozione dell’opera di Pellegrino Artusi in Italia e nel mondo.

Raccontare la cucina italiana significa creare connessioni tra le diversità locali che costruiscono la cultura gastronomica nazionale. Lo sa bene Pellegrino Artusi, autore del manuale “La Scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, che proprio nelle storie e nelle variabili territoriali ha trovato l’identità della cucina di casa italiana. A Forlimpopoli Casa Artusi è il luogo dove tutto questo sistema continua a essere alimentato e promosso in Italia e nel mondo assieme all’Associazione Mariette con eventi culturali, esperienze gastronomiche, pratiche virtuose di cucina, tanto che l’Artusi continua a essere conosciuto e tradotto in diverse lingue del mondo.

Casa Artusi è il museo vivo della cucina domestica italiana. Incrocio di storie e testimonianze di chi ha a cuore la cucina e dal 2007 raccoglie vissuti e ricette che rappresentano il patrimonio culturale enogastronomico del nostro Paese, accoglie appassionati, turisti, curiosi ed esperti di cucina, offrendo linfa gastronomica alla città natale di Pellegrino Artusi.

Importante traguardo dunque per Casa Artusi e Mariette che intendono festeggiare quanto fatto finora per la cucina di casa italiana. Le celebrazioni ufficiali si terranno nella sera di venerdì 1° luglio, durante la Festa Artusiana di Forlimpopoli (in programma dal 25 giugno al 3 luglio), e vedranno il complesso monumentale della Chiesa dei Servi che ospita Casa Artusi ‘illuminato a festa’, con la presenza di una tavola italiana che diventerà il palcoscenico per uno spettacolo di videomapping sul racconto di Pellegrino Artusi e la cucina italiana, accompagnato da una dimostrazione dal vivo delle Mariette, impegnate nella preparazione della pasta fresca al mattarello. Saranno mostrati anche una serie di video dedicati al territorio romagnolo realizzati nell’ambito del progetto ‘Raccontare la cucina italiana.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui