CESENA. Piu’ telecamere, piu’ illuminazione, piu’ vigili e un intervento di riqualificazione per far diventare quella di Cesena “un’altra stazione”. Cioe’ un’area libera da atti di vandalismo, bivacchi e spaccio e con servizi di natura sociale e culturale potenziati. “Un’altra stazione” e’ infatti il nome del progetto del Comune che ha ricevuto dall’Emilia-Romagna 133.000 euro di contributi sui 190.000 necessari per svilupparlo. La giunta comunale stamattina ha approvato l’accordo di programma con Viale Aldo Moro e dato quindi il via al progetto (che si inserisce nel Piano esecutivo di gestione 2019-2021) che ha l’obiettivo di migliorare la sicurezza urbana, contrastare il degrado e migliorare la viabilita’. Il Comune vuole infatti migliorare la sicurezza dell’area. “Abbiamo pensato di migliorare il controllo del territorio con l’integrazione dell’impianto di videosorveglianza e con il potenziamento dell’illuminazione pubblica per rendere piu’ sicuri i percorsi pedonali di attraversamento dell’area”, spiega il sindaco Enzo Lattuca. “Un’altra stazione” infatti prevede l’installazione di nuove telecamere nel parcheggio sotterraneo del Cubo collegate con la centrale della Polizia municipale, nuova illuminazione nella zona esterna cubo (passaggi da piazza Sanguinetti a Piazza Aldo Moro). E anche dei cambiamenti sull’uso del parcheggio sotterraneo (cioe’ limitazioni orarie tranne che per gli abbonati) l’integrazione dell’impianto di videosorveglianza retro stazione (piazzale Sirotti fino a via Montecatini), la riqualificazione dell’area Cubo-Facolta’ di Psicologia, il presidio dei vigili all’uscita delle scuole contro lo spaccio in collaborazione con Questura e Prefettura).

Argomenti:

cesena

lavori

sicurezza

stazione

telecamere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *