Calici, stelle e assaggi, cinque appuntamenti per il weekend

Calici, stelle e assaggi, cinque appuntamenti per il weekend

Nelle notti stellate di San Lorenzo, sono tanti gli appuntamenti sotto la volta celeste per degustare ottimi vini e cibi. Ecco una selezione di cinque appuntamenti in Romagna da questa sera a domenica da non perdere.

CALICI DI STELLE A FONTANELICE E VERUCCHIO . A Fontanelice nell’Imolese questa sera col favore del buio si sale sulla torre campanaria ad ammirare le stelle con l’Associazione astrofili imolesi. Lungo i vicoli e le piazze del centro storico di Fontanelice si snoderà intanto un bel percorso enogastronomico che coinvolge cantine e produttori locali. Il visitatore, dalle 20 alle ore 24, con l’acquisto del calice può assaggiare tutti i prodotti presenti. Domani e lunedì (11, 12 agosto) sarà invece la volta di Verucchio (Rimini). Per le vie del borgo medievale numerose cantine del territorio e di altre regioni proporranno ai visitatori le loro migliori etichette, cibo di strada, prodotti tipici, il tutto accompagnato da spettacoli e musica di sottofondo.


STELLE NEI CALICI A MODIGLIANA. Questa sera (9 agosto) dalle 19 alle 24, a Modigliana (FC) prende vita la prima edizione de “La Stella nei calici”. Un evento di piazza nel cuore della parte vecchia del paese, a ridosso di quella tribuna dove campeggia lo stemma della famiglia Medici, a ricordare i 5 secoli di appartenenza al Granducato di Toscana. Le 11 cantine di Modigliana (Agrintesa, Balia di Zola, Casetta dei Frati, Castelluccio, Fondo San Giuseppe, Lu.Va., Mutiliana, Il Pratello, Il Teatro, Torre San Martino, Villa Papiano) propongono, insieme alla Pro Loco, una serata di buon cibo e vino di qualità. «Vogliamo essere profeti in patria e dare a tutti la possibilità di assaggiare i vini di un territorio che si sta affermando in Romagna per la straordinaria qualità delle bottiglie e per uno stile elegante e originale». A parlare è Renzo Maria Morresi, presidente dell’Associazione Culturale “Modigliana, stella dell’Appennino” che riunisce gli 11 produttori di questo piccolo comune dell’Appennino. L’idea di un evento popolare, anche nei prezzi, nasce proprio dalla necessità di coinvolgere tutto il paese e di richiamare a Modigliana chi già apprezza e conosce i vini. «Venire a Modigliana è una esperienza importante, si comprende l’unicità di un territorio dove i boschi sono padroni e dove i suoli di marne e arenarie, visibili dappertutto negli strapiombi, firmano vini di grande finezza, molto diversi da quelli prodotti normalmente in Romagna, quasi tutti da vigne coltivate sulle argille», Luca Monduzzi, instancabile narratore di questo territorio, sottolinea l’importanza di arrampicarsi quassù e toccare con mano questa ormai famosa diversità. Dodici etichette in assaggio e la cucina alla brace della Pro Loco che sfornerà piade e salsicce per tutta la serata. Una serata per tutti in uno dei borghi più integri e suggestivi di quella che fu, a lungo, la cosiddetta Romagna Toscana, un evento che conferma la vitalità di questo territorio emergente del vino romagnolo, sempre più al centro di una rinascita ambiziosa che lo proietta tra le novità più interessanti del vino italiano.

SOTTO IL CIELO DI ORIOLO DEI FICHI. Il fascino del cielo stellato, musica dal vivo e i sapori più autentici del territorio racchiusi in un bicchiere di vino e in piatti ricchi di storia, tradizione e natura: nel periodo più magico dell’estate torna anche quest’anno a Oriolo dei Fichi il doppio appuntamento con “Calici sotto la torre”. Domani e domenica (10 e 11 agosto) nel parco dell’antica torre medievale sulle prime colline di Faenza, dalle ore 19.30 alle 24 andranno in scena due serate ricche di incontri, degustazioni e sorprese. Dopo il successo dello scorso anno torneranno i laboratori di degustazione guidata sul tetto panoramico della Torre di Oriolo al calar del sole. Oggi protagonista sarà il vitigno Centesimino raccontato dalla giornalista Stefania Vinciguerra, capo redattore di Doctor Wine, attraverso l’assaggio in anteprima dei vini dell’annata 2018. Domani il focus sarà sul vitigno Sangiovese con il vice curatore della Guida Essenziale ai Vini d’Italia Riccardo Viscardi, che guiderà i partecipanti nell’assaggio dei Romagna Doc Sangiovese Oriolo e dei Romagna Doc Sangiovese Riserva delle cantine del territorio. Posti limitati, contributo di 25 euro a laboratorio (tel. 333.3814000). in entrambe le serate, fino a mezzanotte, nel parco della Torre si potranno degustare il Centesimino, il Famoso, l’Albana, il Sangiovese e gli altri vini dei colli faentini raccontati direttamente dai vignaioli presenti con i loro banchi di assaggio, provando golosi abbinamenti con i cibi locali proposti da produttori di antichi grani, succhi, olio e mieli. Grazie alla collaborazione con il Gruppo Astrofili Antares-Romagna dal parco panoramico di Oriolo si potranno osservare le stelle, cercandone una cadente per esprimere un desiderio. In entrambe le serate sarà attivo un chiosco con ristorazione per un assaggio della gastronomia locale: pasta, piadina, affettati, arrosticini, dolci, bicchieri di frutta e non solo. Durante la serata sarà possibile ammirare la mostra d’arte contemporanea “Sotto-sopra” con opere di Franca Minardi, Mirco Villa, Roberto Amadio e Silvia Casavecchia e godere di letture di poesie e racconti inerenti la caduta delle stelle. La colonna sonora di domani sarà a curadei Folk Notes, band che spazia tra musica irlandese, scandinava e balcanica. Mentre domenica 11 agosto spazio alla Rabalà Percussioni: un viaggio musicale mediterraneo tra ceramiche e fiati tra l’antico e contemporaneo. Durante le serate sarà possibilevisitare l’antica torre di Oriolo al chiaro di luna, mentre per i più piccoli sarà allestito uno spazio con animazioni. “Calici sotto la torre” è un evento organizzato dall’Associazione Torre di Oriolo. In caso di maltempo in una delle serate l’evento sarà recuperato lunedì 12 agosto.

CALICI SANTARCANGELO. Oggi e domani (9 e 10 agosto), la splendida cornice di Santarcangelo torna ad ospitare “Calici Santarcangelo” (dalle 19 alle 0,30), dedicato alla presentazione e alla valorizzazione della produzione vinicola della Romagna. Da questa edizione la manifestazione cambia nome e inaugura una nuova veste grafica, ma propone un format consolidato che vanta nuove iniziative per aumentare l’offerta e il divertimento. I numeri dell’evento sono quelli delle grandi occasioni: 49 case vinicole, 18 eventi musicali, 8 osterie e punti ristoro, 35 attività enogastronomiche e bar che contribuiscono alle serate, un’anteprima inedita. L’obiettivo resta quello di proporre due giorni di degustazioni con le migliori selezioni dei vini di Romagna e del Piemonte, regione ospite di questa edizione. Il viaggio alla scoperta del buon vino comincia con l’acquisto del kit per la degustazione (calice, sacca e 5 tagliandini) al costo di 13 euro, oppure 5 tagliandini al costo di 10 euro, presso le postazioni d’acquisto in piazza Ganganelli, via Garibaldi, via Battisti, piazza Monache, via Marini. Con una golosa offerta di piada, pesce, polpette, hamburger, tigelle, BBQ e specialità romagnole, per soddisfare tutti i palati. Tantissimi gli appuntamenti collaterali da non perdere: ‘Santarcangelo vista mare’, per un’esperienza sensoriale che esprime l’eccellenza attraverso il cibo e l’arte, le ‘Cantine si raccontano’ con i prodotti e l’esperienza di quattro realtà selezionate (Pertinello, Villa Venti, Sadivino, Valle delle Lepri). Infine, ‘Rebola d’arte’ con il Consorzio della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini, che presenta una selezione di Rebola delle cantine associate. Le piazze e le vie saranno animate da numerosi artisti per un vero e proprio spettacolo a cielo aperto, con tantissimi artisti di strada che si alternano come colonna sonora della due giorni santarcangiolese. Calici Santarcangelo è anche un’ottima occasione per scoprire o riscoprire la città e le sue tradizioni, con degustazioni in grotta, le visite guidate organizzate dalla Pro Loco, il ‘Torneo delle Porte’ di tamburello allo Sferisterio e il ‘mercatino dei libri già letti’ in Piazza Ganganelli. In occasione dell’evento, Luca Tibberio e Alessandro Roncaglione hanno indetto il workshop di fotografia sul paesaggio ‘Visioni dal Territorio’ (info su visionidalterritorio.it). A chiusura della due giorni, domani, ‘Storie di muri’, spettacolo della compagnia di danza contemporanea verticale Cafelulé.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *