Ora è ufficiale. Il Cesena Fc si è assicurato questa mattina, nell’ufficio del notaio Maltoni, il Cavalluccio sborsando la cifra di 78.000 euro. La fumata bianca è arrivata alla presenza del presidente Patrignani, del legale del club Casanova e del curatore fallimentare Morelli. Dopo averlo avuto in uso attraverso la propria holding nell’ultima stagione, questa mattina il club bianconero ha rilevato dal Tribunale di Forlì (Sezione Fallimentare) lo storico marchio composto dai due scudetti sovrapposti e dall’immagine del cavalluccio marino che lo caratterizza in maniera unica. Presente insieme all’avvocato Francesco Casanova, legale del club, il presidente Corrado Augusto Patrignani ha così commentato: “E’ un giorno speciale per il Cesena FC che nel 2020 festeggia gli ottant’anni e oggi si riappropria di un altro pezzo della sua gloriosa storia. La società ha fatto uno sforzo non indifferente per portare a casa questo risultato, oltretutto in un momento economico complesso, ma è stata più grande la volontà di restituire a i nostri tifosi il simbolo della loro passione, quel simbolo che tanti hanno tatuato sulla propria pelle e tutti portano nel cuore. Vogliamo condividere questa soddisfazione anche con l’amministrazione comunale che nelle ultime due stagioni ci ha permesso di continuare ad utilizzare il marchio: è anche grazie al lavoro del Sindaco Enzo Lattuca, del suo predecessore Paolo Lucchi e dell’assessore allo sport Christian Castorri che il Cavalluccio, dal Cesena, non è mai andato via”.

Così il sindaco di Cesena Enzo Lattuca in una nota: “Da Sindaco, da cesenate, e da tifoso del Cesena sono molto contento che il Cavalluccio sia ritornato di proprietà della squadra di calcio della nostra città. Questo è stato possibile grazie a un impegno per nulla scontato da parte del Cesena FC, che con un investimento importante può mantenere la propria identità attraverso il simbolo che da sempre l’ha identificata. Si chiude così positivamente un percorso avviato dalla precedente Amministrazione comunale, che ha visto coinvolti in prima persona l’allora Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore Carlo Battistini e che oggi, per merito della Società, restituisce a tutti i tifosi del Cesena lo storico cavalluccio”.

Argomenti:

cavalluccio

cesena calcio

fallimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *