RIMINI – A un giorno di distanza dalla conferenza stampa tenuta da Lucio Paesani, nel corso della quale il promotore del progetto “Rimini dovere morale” aveva annunciato che Giorgio Grassi aveva deciso di disimpegnarsi (non solo da quanto lanciato dal proprietario del Coconuts ma anche dagli impegni con il Rimini Fc), ecco arrivare la replica del proprietario del Rimini, appena retrocesso d’ufficio dalla Lega Pro alla Serie D, attraverso una lettera.

“Dopo le dimissioni dal ruolo di presidente, presentate l’8 giugno, con questa nota comunico la mia intenzione di lasciare l’impegno di proprietario della Rimini Calcio. Sono stati quattro anni in altalena tra gioia e sofferenza come poi è la vita che ci chiama ogni giorno a sfide che possono regalarci sorrisi o dispiaceri. Li ho vissuti con un coinvolgimento totale sbagliando e facendo cose per bene ma sempre nel rispetto di un compito che penso di aver svolto con dignità e trasparenza. Prendere questa decisione non è stato facile, nei giorni scorsi ho tenuto il Rimini stretto guardando anche verso il futuro, illudendomi, semplicemente per la sofferenza di lasciare andare qualcosa che mi è caro.  Amare tuttavia significa anche lasciare andare e purtroppo per me è giunto il momento. Non sono più nelle condizioni di portare avanti questo impegno perché devo dare priorità ad altre cose importanti della mia vita: la mia famiglia e la mia azienda con i dipendenti che ne fanno parte. Il mio non sarà un addio immediato, nei prossimi giorni mi dedicherò ad altri due compiti che devo svolgere prima di chiudere questo importante capitolo della mia vita: combattere perché venga resa giustizia a Rimini e alla Rimini Calcio e dare alla società biancorossa il futuro più solido possibile. Da oggi sarò quindi impegnato su questi due fronti e darò tutto me stesso per garantire il meglio alla Rimini Calcio. Appena sarò in grado di comunicare novità concrete, ci incontreremo. Grazie per tutto quello che mi avete dato, a presto”.

Argomenti:

coconuts

Grassi

Lega pro

Paesani

Serie d

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *