Calcio, Giuseppe Capanni: un simbolo del calcio romagnolo che Savignano ricorda nel suo stadio

Si giocava al “Prato Fiera”, nei pressi dell’attuale Via Cipriani a ridosso della linea ferroviaria, quando a Savignano iniziò a tirare i primi calci (prima di arretrare al ruolo di portiere) Giuseppe Capanni, al quale è intitolato il campo sportivo di Viale della Resistenza.

Capoun come Kamikaze

La sua prima squadretta fu l’Alba Club che nel 1931 si fuse con lo Sport Club da cui nacque la S.S. Luigi Arcangeli che, viste le dirette dimensioni del campo del Prato Fiera, detto il “Trampolino”, si trasferì provvisoriamente a giocare a Gatteo. Con la disponibilità del nuovo campo di Via Galvani, a fianco della stazione ferroviaria di Savignano, nella stagione 1934-’35 l’Arcangeli disputò il suo primo campionato Figc (Terza Divisione) con Capanni tra i pali. Nato il 2 novembre 1916 era soprannominato “Capoun” per la sua notevole altezza, ed era un giocatore dal fisico massiccio. Come portiere si distingueva per le uscite decise, quasi spericolate come diventeranno celebri quelle di un altro numero uno romagnolo, Giorgio “Kamikaze” Ghezzi.

Compagno di Raf Vallone

L’avventura dell’Arcangeli durò solo un campionato e dopo il suo scioglimento Capanni continuò a giocare nella Vis Pesaro (Prima Divisione) e nell’Alma Juventus Fano (Serie C). Su Capanni ci fu anche l’interessamento dell’Ambrosiana-Inter, ma poi per la stagione 1939-‘40 finì al Novara che all’epoca militava in serie A. L’estremo difensore savignanese non riuscì, tuttavia, a debuttare nel massimo campionato e si limitò a disputare il campionato Riserve (18 presenze) a cui partecipavano le seconde squadre di quelle di serie A. A Novara era in squadra con Raf Vallone il quale, prima di diventare un celebre attore, era stato in gioventù un calciatore anche del Torino. Come racconta Roberto Roberti, memoria storica del calcio savignanese, “negli anni Cinquanta, Capanni riceverà la visita di un ex compagno di squadra dei tempi di Novara, Raf Vallone, fra lo stupore e la curiosità dei presenti davanti al Caffè Commercio di Savignano”.

Di fronte al principe Umberto

Dopo un anno in Piemonte Capanni tornò a Fano e nel corso del campionato 1940-’41 (serie C) assunse anche i panni di allenatore in sostituzione Lando Benini. All’epoca, inoltre, frequentava la scuola allievi ufficiali alla caserma “Paolini” di Fano e il 22 settembre 1940, in occasione di una cerimonia religiosa alla basilica di San Paterniano, ebbe l’onore di incontrare l’erede al trono, Umberto (futuro ultimo re d’Italia), il quale passò in rassegna i soldati presenti.Nella stagione seguente militò nel Forlì (serie C). Nel dopo guerra (1945-’46) era di nuovo nella sua Savignano a guardia della porta della neonata Pol. Sergio Gridelli (nel 1950 cambierà denominazione in A.S. Savignanese) in Prima Divisione e ricoprì contemporaneamente il ruolo di allenatore.

Baciati dalla fortuna

Come tecnico rimase sulla breccia per una trentina di anni. Sulla panchina della Savignanese fu chiamato in svariate occasioni, “ogni volta che c’era da salvare la squadra”. Ma anche per guidarla ad una promozione, come quella del 1969-’70, una delle più memorabili nella storia della Savignanese (al tempo denominata A.S. Pan Provimi). All’ultima giornata la squadra guidata da Capanni era riuscita ad agganciare in testa il Forlimpopoli, rendendo necessario lo spareggio per determinare la vincente del girone A. La gara giocata a Cervia terminò a reti inviolate e, da regolamento, si procedette al sorteggio: al centro del campo i due capitani assistettero al lancio della monetina da parte di un giovane arbitro, un certo Paolo Bergamo (futuro fischietto internazionale). La sorte premiò la Pan Provimi che fu ammessa all’ulteriore spareggio contro la vincente del girone B, il Molinella. Non furono sufficienti tre gare per determinare la squadra da promuovere e al termine dell’1-1, maturato sul neutro di Ravenna, si ricorse nuovamente al lancio della monetina. Il capitan gialloblù, Silvio Margelloni, fu ancora baciato dalla fortuna e la squadra di Capanni salì in Promozione.

Lanciò Gino Stacchini

L’ultima apparizione come allenatore risale al campionato 1974-’75 quando nella Savignanese dovette lasciare per problemi di salute. Fu anche direttore sportivo, direttore tecnico e dirigente del club gialloblù. Ma fu anche il tecnico di altre formazioni romagnoli quali la Santarcangelose, il Bellaria e, persino, gli storici rivali della Sammaurese. A San Mauro Pascoli, nel corso del campionato di Promozione 1952-’53, fece debuttare in prima squadra quello che sarebbe diventato uno dei più prestigiosi calciatori romagnoli: Gino Stacchini, approdato poi alla Juventus e in Nazionale.

Stadio comunale Capanni

Capanni si spense il 10 febbraio 2004. Intanto a Savignano era stato costruito il nuovo Polisportivo Comunale in Viale Resistenza, inaugurato il 30 novembre 1986 in occasione di Savignanese-Forlimpopoli (0-0) con il simbolico calcio d’inizio dato da Raimondo Bisacchi, vecchio compagno di Capanni ai tempi delle partite al “Trampolino”. Non si poteva però dimenticare Capanni, il primo giocatore di Savignano affermatosi anche oltre l’ambito locale, il quale ancora in vita aveva nel 1998 aveva ricevuto dalla Savignanese il premio “Una vita per lo sport”. Su iniziativa di un gruppo di cittadini, accolta dall’Amministrazione comunale, il 2 luglio 2008, a quattro anni dalla morte, gli fu intitolato lo stadio cittadino alla presenza della sindaca Elena Battistini e del figlio Roberto. L’occasione fu colta in concomitanza dell’inaugurazione dell’impianto di illuminazione della pista d’atletica e della manifestazione sportiva “Tuttinpista 2008”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui