Calcio D, Venturini: “Ravenna, che bello l’abbraccio di Spinosa”

Un bel mattone alla causa giallorossa per tornare alla vittoria, domenica a Sant’Angelo Lodigiano, l’ha portato anche Giacomo Venturini. Uno, cioè, che teoricamente sarebbe dovuto essere in panchina. Massimo Gadda, invece, gli ha dato fiducia e lo ha fatto debuttare in Serie D, spedendolo subito tra i pali. Il giovane portiere classe 2004 ha risposto alla grande con una bella parata che ha permesso di conservare lo 0-0 quando nel primo tempo la partita era molto equilibrata.

Giacomo Venturini, quale è stato il percorso sostenuto per arrivato a vestire la maglia del Ravenna?

«Ho iniziato a giocare vicino a casa, nel Riminese, poi ho fatto un anno a Santarcangelo e quindi sei stagioni nel settore giovanile del Cesena. In estate sono stato ceduto in prestito al Ravenna e debbo dire di essere veramente felice per come stanno andando le cose».

Quando ha saputo che avrebbe giocato titolare a Sant’Angelo?

«In realtà soltanto domenica mattina, quando è stata comunicata la formazione. Per la verità, quella passata era stata una settimana normale nella quale avevamo lavorato tutti forte, portieri compresi. Alla fine, il nostro nuovo tecnico Gadda ha preso questa decisione e ovviamente sono stato molto felice che abbia scelto me».

Può raccontare la parata importante compiuta nel primo tempo?

«È stata una deviazione ravvicinata su cui ho reagito in tempo, una parata importante ai fini del risultato e ovviamente una parata gratificante per me. Mi ha fatto molto piacere in particolare l’abbraccio che mi ha fatto Spinosa subito dopo la parata, un segnale forte, visto anche che ero al debutto dall’inizio».

Ora l’obiettivo è quello di conservare la maglia da titolare. Come conta di riuscirci?

«Non mi pongo obiettivi personali se non quello di lavorare duro e farmi trovare pronto se verrò chiamato ancora in causa. Penso che valga la stessa cosa per tutti gli altri giocatori del Ravenna: il gruppo sta lavorando a testa bassa per migliorare sempre e cercare, partita dopo partita, di risalire la classifica».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui