Calcio D, un sabato con Prato-Forlì: Gadda lancia l’allarme

È un grido d’allarme quello che lancia Massimo Gadda alla vigilia della sfida con il Prato, in programma oggi (ore 14.30) allo stadio Torrini di Sesto Fiorentino. Una posizione in linea perfetta con l’uomo, prima ancora che allenatore, concreto e sincero, incapace di illudere e millantare: «Ho trovato una situazione difficile, molto difficile – esordisce in conferenza stampa – non è che mi aspettassi rose e fiori perché sapevo che c’erano dei problemi ma la situazione è tosta, molto tosta. E non parlo della classifica, che in questo momento è l’ultimo dei problemi. Qui c’è un ambiente che va ricostruito e un entusiasmo che va ritrovato: occorre partecipazione da parte di tutti perché la realtà non va sottovalutata. Occorre far capire come si vive in uno spogliatoio ritrovando il senso di appartenenza al gruppo, che vuol dire difesa del proprio lavoro. E non voglio dire di attaccamento alla maglia, che può sembrare esagerato per giocatori che prima di qualche mese fa non sapevano neppure dove fosse Forlì».

Poi entra nel merito della squadra: «In settimana sono stati fatti allenamenti intensi: la squadra è ben preparata ma non avevo dubbi perché Cornacchini è una persona perbene e un bravo allenatore e non cessa di esserlo perché gli è andata male a Forlì. L’organico è composto da giocatori sopra la media: se da Petrucci, Pera, Borrelli, Buonocunto e Longobardi tiro fuori il 100 per cento, che è uno dei miei obiettivi, sono a posto».

Devoto al 4-3-3, Gadda, in settimana ha provato il 3-5-2. «Un modulo che non entusiasma ma devo fare di necessità virtù in considerazione delle assenze di Pera e Petrucci».

È già finita a… Pezzi?

Fra i convocati fuori anche Pezzi, ufficialmente per un risentimento muscolare, ma l’impressione è che possa essere un primo passo verso un addio precoce.

Diretta su facebook

Dopo un pomeriggio di trattative, ieri alle ore 21 Prato e Forlì hanno trovato l’accordo e quindi il match di oggi sarà trasmesso in diretta facebook sulla pagina ufficiale del Forlì.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui