Calcio D, Rimini-Sammaurese è un derby ricco di signficati

Ci vorrebbe un comando di polizia municipale per dipanare il traffico di giocatori che hanno intersecato l’asse Sammaurese-Rimini lungo la via Emilia. Definirla partita degli ex pare perfino riduttivo davanti al cospicuo numero di persone che hanno indossato entrambe le maglie in una sorta di derby al quadrato di scena mercoledì prossimo al Romeo Neri.

Incrocio di allenatori

Il primo incrocio riguarda proprio gli allenatori. Stefano Protti ha giocato una fetta di settore giovanile in quel di Rimini, prima di abbracciare il professionismo a Livorno insieme al cugino Igor Protti (altro riminese doc) nel lontano 1986. A Rimini Protti non ha mai giocato in prima squadra, né ha allenato, tuttavia per due stagioni ha guidato un Alessandro Mastronicola agli sgoccioli di carriera in Eccellenza quando la Sammaurese cercava il salto di categoria. Chi oggi va in sala stampa al Macrelli tra le foto delle glorie di paese (Gino Stacchini su tutti) trova anche quella di Mastronicola con indosso i colori giallorossi. Colori che poi ha guidato anche da allenatore nella sua prima esperienza in D nel campionato di due anni fa chiuso con una salvezza conquistata col massimo della tranquillità.

Figlio di un biancorosso

Sicuramente la giornata di domani sarà speciale anche per il patron Cristiano Protti. Il padre Vittoriano ha indossato i colori biancorossi nelle stagioni 1962-1967. Come l’intera dinastia dei Protti giocava in attacco e spesso portava un giovanissimo Cristiano a vedere gli allenamenti della squadra dei “grandi”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui