Calcio D play-off, il Rimini deve battere la Recanatese

Serve un mercoledì da leoni al Rimini per continuare la marcia nella Poule Scudetto di serie D. I biancorossi sono senza mezza squadra, in una condizione atletica non certo esaltante dopo aver condotto il campionato dall’inizio alla fine, ma se vogliono proseguire il cammino nel torneo di post-season, dopo l’1-1 di domenica sul campo del San Donato Tavarnelle, devono solo vincere oggi alle 18 al Romeo Neri contro la Recanatese.

Il prepartita di Marco Gaburro è improntato alla fiducia: «Penso ad una partita intraprendente, ad una partita vera. Mi aspetto una squadra che voglia far vedere quello che sa fare, che voglia continuare il percorso fatto fino adesso. Quella voglia di fare bene che si è vista anche a San Donato, anche se purtroppo quella partita non è andata certo come noi volevamo».

C’è un avversario come la Recanatese che farà di tutto per uscire dallo stadio con uno scalpo di prestigio. «Queste sono tutte squadre forti, chi vince è sempre una squadra forte, anche se ha fatto meno punti del Tavernelle, ma in un girone diverso. Da parte nostra si cercherà di spalmare le energie, con l’obiettivo di passare il turno».

In campo ci sarà però un Rimini con numerose assenze, perché a quelle di San Donato, Carboni, Haveri e Lo Duca, si aggiunge anche quella di Deratti: «Non recuperiamo neanche Deratti, che ha avuto un problema domenica. Pecci ci sarà, anche se non dal primo minuto. Chi c’è sta bene, il problema è che abbiamo fuori i tre 2003 e non è il massimo. Ma permette di far giocare dei ragazzi che si sono visti meno, pur dandoci una mano. Domenica ha esordito Cherubini, oggi ci saranno Tiraferri e Bianchi, che hanno fatto molto bene con la Juniores. È giusto che trovino spazio».

La voglia di passare il turno c’è, ma è inevitabile anche la voglia di tirare un po’ il fiato: «Non sono d’accordo sul concetto che il Rimini domenica si sia risparmiato. Penso che a San Donato il Rimini abbia dato tutto, colpendo un palo, mentre un gol ci è stato annullato. Chi ha visto l’allenamento che abbiamo fatto stamattina (ieri ndr) ha capito che la grinta è quella di sempre. Noi siamo una squadra che ha dato sempre tutto, anche quando aveva poco da dare. Lo abbiamo fatto anche a San Donato e lo faremo anche contro la Recanatese».

C’è la curiosità di vedere chi giocherà tra i pali, se Piretro sarà confermato: «Ancora non lo so. Ho detto ai ragazzi che al di là della scelta in porta, tutti devono partecipare il più possibile. Tanti giocatori che sono partiti titolari domenica non partiranno titolari stavolta». Insomma, Gaburro si prepara ad un sostanziale turnover, se non immediato, nel corso della partita: «Pensare che ci fosse una squadra con gli stessi undici in tre partite è difficile. Alla fine della Poule penso che tutti avranno giocato una partita o saranno comunque entrati».

La formazione

Gaburro schiererà questo 4-3-3: Piretro; Tiraferri, Pietrangeli, Panelli, Contessa; Greselin, Callegaro, Tonelli; Gabbianelli, Germinale, Piscitella.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui