Calcio D, Lo Duca: un veterano di 18 anni per il Rimini

Se continua così, ben presto si dovrà modificare il suo titolo nobiliare e rinominarlo “Lo Principe”. Sì, perché Lorenzo Lo Duca è un 2003 ma ha l’autorità di un veterano, viaggia sulla fascia destra che è una meraviglia e in 6 partite ha già collezionato 3 assist. Una bella sorpresa in casa biancorossa, così come inevitabilmente alimenta entusiasmo il primato solitario del Rimini dopo la quarta vittoria consecutiva festeggiata nella vicina San Mauro Pascoli. «Abbiamo dimostrato di essere un gruppo forte – attacca Lo Duca – siamo partiti a mille e anche dopo il loro pareggio non siamo calati mentalmente, poi nel secondo tempo non abbiamo concesso nulla. La vetta? E’ una bella emozione ma il campionato è appena iniziato, quindi dobbiamo andare avanti a testa bassa e continuare a lavorare».

Il Rimini non solo attualmente vanta il miglior attacco (16 gol), ma anche la miglior difesa (appena 3 incassati): «Il gruppo è molto unito, il pareggio di Bagnolo ci è servito da lezione, noi siamo forti mentalmente e questo ci porta sempre ad essere aggressivi. Stiamo facendo bene la fase difensiva e siamo compatti, logicamente ci avrebbe fatto piacere proseguire l’imbattibilità (si è fermata a 368 minuti con il rigore di Merlonghi, ndr) ma l’importante è aver reagito e segnato presto il 2-1. Sicuramente si può sempre migliorare».

Lo Duca, difensore in prestito dal Catania e alla prima esperienza tra i grandi, sta bruciando le tappe: «Se mi sono calato bene nella realtà è merito dei compagni più grandi che mi consigliano sempre. Sono soddisfatto del mio avvio, gli assist sono una mia peculiarità già dal settore giovanile ma ancora non ho fatto niente e posso migliorare nelle due fasi».

Non c’è tempo per cullarsi sugli allori perché la stagione è ancora lunghissima e mercoledì al Neri arriva il Real Forte Querceta, che ha 7 punti, tutti collezionati in trasferta (0-0 a Borgo San Donnino, poi doppio 2-1 a Correggio e ad Agliana). Dall’altra parte, però, c’è un Rimini da 3/3 con 11 gol realizzato e nessuno subìto: «Non dobbiamo sottovalutare la formazione toscana: speriamo di continuare come abbiamo abituato e conquistare altri tre punti».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui