Calcio D, il Rimini si gode un Pietrangeli insuperabile

Insuperabile. Nicola Pietrangeli domenica nella sua seconda gara da titolare ha dimostrato affidabilità e autorità. Mica semplice, visto che si trattava del derby contro il Ravenna, una delle squadre più forti del girone.
«Il mister mi aveva già provato in settimana con la variante del centrocampo over quindi potevo aspettarmelo, poi nella rifinitura avevo capito che sarebbe arrivato il mio momento. Un’emozione unica, già a partire dal riscaldamento, la carica dei tifosi è qualcosa che non si può spiegare».
Il gigante Pietrangeli non si è lasciato tradire dalla componente emotiva, ma il Rimini non è riuscito a vincere una partita in cui avrebbe meritato il bottino pieno. «Il pareggio ci va un po’ stretto quindi c’è un po’ di rammarico, volevamo la vittoria a tutti i costi e anche dopo l’1-1 abbiamo avuto diverse occasioni per ottenerla. Ci siamo dimostrati superiori, loro non si sono resi mai pericolosi su azione, l’unico modo è stato su palla inattiva».
E infatti sull’ennesimo episodio il Rimini ha incassato l’1-1 con la complicità di Marietta. «Non è stata una giocata corale ma una sfera in mezzo da cui è uscito il gol. Le palle inattive al momento sono il nostro tasto dolente ma stiamo lavorando e speriamo di trovare la strada giusta».
Il difensore centrale classe 2000, finora poco utilizzato, ha dimostrato di poterci stare alla grande in questa categoria visto poi che l’infortunio di Carboni sta andando per le lunghe. «Quando sono arrivato non ero al top, in estate ho avuto il covid e ci ho messo un po’ a ripartire. Adesso sto bene, spero di dare il 100%, le decisioni poi le prende l’allenatore, la squadra viene prima di tutto».
Pietrangeli a Lodi invece era entrato con il passaggio al 3-4-1-2 ideato da Gaburro per ribaltare lo svantaggio. «L’alternativa a tre magari ci può tornare utile quando siamo sotto, in passato mi è già capitato di giocare anche con questo assetto».
Il Rimini adesso si prepara al tour de force: sabato trasferta a Milano contro l’Alcione, poi altro viaggio per affrontare il Ghiviborgo nell’infrasettimanale e domenica 12 big match al Neri contro il blasonato Carpi. «Tre partite ravvicinate nelle quali dovremmo farci trovare nella forma fisica migliore. Speriamo di ottenere più punti possibili».
Non può mancare un commento sulla festa dello storico club Tre moschettieri, evento al quale anche Pietrangeli ha partecipato. «È stata una bella serata in compagnia di persone che tengono al Rimini da quando sono nate. Fa sempre piacere vivere la cultura di questi tifosi».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui