Calcio D, il Rimini senza Andreis per un mese

È un Rimini quasi calcolatore. Non lascia nulla per strada, travolge tutto quello che gli si para di fronte e se per un attimo si volta indietro scopre che il cammino attuale è molto simile se non identico a quello intrapreso nella seconda parte del 2021, cioè quando è cominciato il campionato.

22 punti in 8 gare

Infatti le prime 8 partite del girone di ritorno sono state una fotocopia delle prime 8 dell’andata. Sette vittorie e un pareggio con l’unica differenza che i due punti persi erano stati prima con la Bagnolese e ora con il Progresso. Ovviamente sempre in trasferta perché in casa i biancorossi hanno continuato a sommergere di gol gli avversari con qualche rara eccezione (vedi Sammaurese). Insomma se tanto mi dà tanto, la squadra di Gaburro potrebbe arrivare almeno a quota 90 punti a fine campionato visto che chiuse il giro di boa a 45. Bottino che di solito a queste latitudine garantisce la promozione diretta nel 99 per cento dei casi.

Media gol subiti abbassata

C’è un altro aspetto inoltre che testimonia come la capolista stia provando a migliorare ancora all’interno di un cammino pressochè perfetto. Si tratta dei gol subiti: perché in quei 22 punti in 8 partite accumulati nel girone d’andata le reti incassate furono 3, due con la Bagnolese e una a San Mauro Pascoli.

Stavolta invece solo una volta si è raccolto il pallone in fondo al sacco, quello del forlivese Longo che poi è stato anche l’unico nelle ultime 9 partite. E a proposito di incontri con la rete inviolata sono saliti a 19 su 27.

Andreis torna con il Ravenna?

Intanto la risonanza magnetica a cui si è sottoposto il centrocampista Andreis ha rivelato una fortissima botta alla caviglia sinistra dopo l’infortunio patito la settimana scorsa in allenamento. L’ex Entella dovrà stare fuori sicuramente un mese e la speranza è quella che possa recuperare per la trasferta del 10 aprile a Ravenna quando probabilmente ci sarà in palio una buona fetta di campionato. Sicuramente Andreis salterà le partite con Correggese, Mezzolara, Aglianese e Fanfulla. La sosta gli fa gioco però poi c’è il turno infrasettimanale che annulla un po’ questo vantaggio rappresentato dalla sosta.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui