Calcio D, il mal di gol che affligge lo United Riccione

Dopo 6 gare ufficiali, due di coppa Italia e quattro di campionato, guardando i numeri dello United Riccione appare evidente come la squadra biancoblu soffra di mal di gol. Appena quattro quelli segnati. Di questi, due sono arrivati dagli undici metri. A segnarli, Benedetti, in Coppa, contro il Corticella (gara poi terminata 6-5 proprio ai rigori) e D’Antoni nell’1-0 contro la Sammaurese, sempre in Coppa. In campionato, l’unico gol su azione è stato messo a segno da Zappa con la Giana Erminio al termine di una doppia giocata tutta in verticale firmata da Benedetti e Ferrara. La quarta e ultima rete è arrivata sul campo del Fanfulla ed è stata realizzata da Michele Rinaldi sugli sviluppi di una punizione.

Questo non significa che la squadra di Mattia Gori non crei occasioni. In ogni partita giocata, lo United Riccione, è arrivato al tiro più volte, dominando anche l’avversario, peccato, però, che lo specchio lo abbia inquadrato pochissimo. A Pistoia, per esempio, i romagnoli hanno inquadrato i pali due volte: con Abonckelet (su assist di Ferrara) e con Padovan, in entrambe le occasioni Urbietis ha risposto presente. In casa con la Giana Erminio, una punizione di Benedetti è stata respinta dall’estremo lombardo, successivamente Padovan e Lordkipanidze hanno sorvolato la traversa mentre Zappa ha segnato. Poi, però, lo stesso Zappa e Lordkipanidze hanno sbagliato l’ultimo controllo che li avrebbe mandati in porta.

Con il Fanfulla stesso copione con Benedetti che, dopo un angolo, dall’altezza del dischetto del rigore ha calciato fuori mentre D’Antoni, dal limite, ha trovato la manona di Cizza. Ma la palla-gol più clamorosa l’ha avuta Zappa, nella ripresa, quando, a porta vuota, ha calciato alle stelle. Infine, mercoledì con il Real Forte Querceta. Padovan per due volte è riuscito a inquadrare la porta, ma per Raspa non ci sono stati problemi. Chi ha avuto sui piedi tre buone occasioni è stato Ferrara, ma le conclusioni dell’ex Rimini sono sempre andate abbondantemente fuori mentre sui titoli di coda, su un angolo, Biguzzi ha centrato il palo.

Riassumendo, le occasioni non sono mancate, quello che è mancato è il colpo risolutore, quello che ti permette di vincere le partite.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui