Calcio D, Gaburro: “Rimini, che gioia il gol su palla inattiva” – Gallery

Pericolo scampato (vittoria 1-0 sul Mezzolara) e Marco Gaburro tira un sospiro di sollievo. Vincere su calcio piazzato, non certo la specialità della casa sia in fase offensiva che difensiva, rende il tutto ancora più gradevole: «Sono contento perché sono due settimane che battiamo solo corner. Io ho detto ai ragazzi che dopo l’ultima partita di Correggio non mollo sui corner. Abbiamo provato a mettere da parte degli schemi – ha spiegato il tecnico biancorosso – lavorando sulle traiettorie, su come posizionarci, su come saltare. Penso sia stato il premio a queste due settimane di lavoro, oltre alla volontà dei ragazzi a trovare la soluzione ad una situazione che stonava».
Un Rimini che è venuto fuori alla grande dalle tante trappole potenziali di questo match: «Gli emiliani hanno fatto una partita tatticamente corretta, sono stati molto attenti. Il nostro 4-4-3 dà dei riferimenti abbastanza chiari, loro uscivamo bene. L’unico è Gabbianelli che esce dagli schemi e riesce a fare l’uno contro uno. Forse ci siamo un po’ intestarditi, secondo me anche positivamente. Il piano era quello: fare un’ora cercando di giocare dentro il più possibile, poi utilizzare le due punte. Avendo giocatori molto bravi secondo me è giusto avere anche strategie diverse nel preparare queste partite. Ero un po’ arrabbiato nel primo tempo non perché non abbiamo fatto gol ma perché lo spirito della squadra, che è più perfezionista di me, era un po’ giù. Ma i ragazzi non devono fare così, i punti più pesanti in casa li abbiamo fatti vincendo 1-0, non 4 o 5 a zero. Nella seconda parte del primo tempo siamo usciti bene, avremmo potuto anche sbloccarla prima. Nella dinamica del secondo tempo occorrono anche i cambi. Se li hai contano, se non li hai contano meno».
Un Gaburro che trova anche il tempo di scherzare: «Io sono stato seduto quasi tutta la partita perché in casa è più comoda. Scherzo. In certi ambienti serve più la parte emotiva, in altre occorre pensare bene a quello che va fatto. La nostra è una squadra che comunica bene. Oggi (ieri, ndr) la mia preoccupazione principale era cercare di fare le scelte giuste perché abbiamo tante frecce a disposizione».
Infine il cambio di Pecci entrato da poco: «È stata una mia scelta, era già ammonito, potevo togliere Gabbianelli che era stanco, ma gestisce di più il pallone».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui