Calcio D, Forlì-Treossi verso un clamoroso divorzio, in arrivo Zonta

Grandi manovre in casa Forlì sia sul piano organizzativo che per l’allestimento dell’organico da consegnare al confermato Mattia Graffiedi.
Dalla stanza dei bottoni lasciano l’incarico, per dimissioni, sia l’addetta stampa Veronica Bagnoli che il segretario Mauro Faini. Si attendono le decisioni riguardo ai sostituti, ma per il dopo Faini sembra ormai fatta per Gottardo Zonta del Cattolica che verrebbe investito del doppio incarico di Segretario e Team Manager. Una decisione che potrebbe significare, dopo due anni, anche la separazione (clamorosa) da Fiorenzo Treossi.
Intanto sulla situazione della campagna acquisti e cessioni l’abbottonatissimo diesse Sandro Cangini non lascia trapelare nessuna indiscrezione.
Così Cangini: «Dopo aver chiuso la situazione relativa all’allenatore, dalla prossima settimana inizieremo a valutare e decidere in merito a chi sarà confermato. Per l’attacco invece stiamo vagliando diverse soluzioni. Ma una casella molto importante da riempire per il prossimo campionato riguarda quella dei giocatori nati nel 2004 che è, per noi, un punto di partenza in quanto un under di quell’annata deve essere sempre presente in campo. Siamo consci di non poter sbagliare le scelte considerato che occorrerà averne in rosa più di uno. Riguardo agli under posso aggiungere che la collocazione dei 2003 (esempio Ravaioli tra i pali, ndr) non è oggetto di ripensamenti».
Tuttavia da radio mercato arrivano conferme di sondaggi, interessamenti, colloqui e non di un’apparente calma piatta. Come la trattativa per l’attacco che riguarda il ritorno, a distanza di sette anni, (2013-2014 in Lega Pro) di Umberto Nappello 31enne reduce da un’ottima stagione con il Delta Porto Tolle (29 presenze e 11 gol). E per completare il reparto è seguito con attenzione Matteo Colombi punta centrale di 190 centimetri, mancino di 28 anni nato a Broni nel pavese che nell’ultimo campionato nel Campodarsego è andato in gol 18 volte in 32 partite. Sulla carta un’accoppiata ben assortita ed in grado di garantire un bottino di gol consistente.
Nel quadro di una riacquisita identità territoriale possibili i ritorni di due giovani scaricati con troppa leggerezza l’estate scorsa. Si tratta di Davide Sedioli, difensore classe 2000, che ha brillato nella Sammaurese e Francesco Marzocchi (2001) esterno sinistro che ha fornito un grande contributo per riportare, dopo quattro anni, il Lumezzane dall’Eccellenza alla serie D.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui