Calcio D, Forlì: esame da primato all’assalto del Prato

Dopo aver assaggiato e battuto due neopromosse il Forlì alza l’asticella ricevendo nell’anticipo odierno al Morgagni (ore 15, arbitro Zini di Udine) il blasonato Prato che, come budget ed investimenti non fa mistero di puntare decisamente in alto. Mattia Graffiedi inquadra la partita in questo modo: «Affrontiamo un avversario fortissimo che ci metterà in difficoltà. Il Prato per storia e organico si presenta come una delle candidate più autorevoli alla promozione e come noi viene da due vittorie».

Quello che però importa maggiormente al tecnico dei Galletti è l’atteggiamento che dovrà avere il Forlì in campo. «Che giochiamo in casa o fuori dobbiamo avere una identità ben precisa, una mentalità vincente a prescindere dall’avversario ed essere una squadra con fame e voglia di far bene. Noi abbiamo preparato la partita per metterli in difficoltà. Siamo in un buon momento adesso è importante dare continuità ai risultati».

Nessun tatticismo o rinuncia all’identità, Graffiedi annuncia la volontà di voler sfidare la squadra di Favarin «a viso aperto». L’allenatore dei Galletti accoglie anche con soddisfazione la statistica relativa al doppio successo iniziale. «Sono davvero 7 anni che il Forlì non vinceva le prime due di campionato? Bene, è un piccolo record che fa piacere aver ripetuto. Quello che mi soddisfa maggiormente è il modo con cui siamo partiti. Ma ogni turno di campionato è una prova, sia che affrontiamo una neopromossa che una virtuale candidata alla vittoria, le difficoltà non cambiano come dimostrano ampiamente i risultati di questi primi due turni. D’altra parte, la D è difficile e complicata».

Tra gli aspetti più significativi va aggiunta l’imbattibilità del portiere Ravaioli: «Non subire gol vuol dire che almeno le partite non si perdono, questo fatto dà morale alla difesa anche se si tratta di un lavoro più di squadra che di reparto».

Riguardo alla formazione Graffiedi recupera Scalini che ha scontato la squalifica e dovrebbe riprendere il posto da titolare al posto di Rrapaj ma oltre al lungodegente Piva resta ai box l’under del 2004 Casadei.

La formazione

Graffiedi schiererà il Forlì con il 4-3-1-2: Ravaioli; Fornari, Ronchi, Maini, Fusco; E. Ballardini, Scalini, A. Ballardini; Eleonori; Caprioni, Varriale. Riccardo Rinieri

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui