Calcio D, Forlì: Colombi se ne vola via, ma può tornare Tortori

Sono concentrate sulla prima punta le attenzioni del Forlì, che vuole però coordinare esigenze di bilancio e valore tecnico. In maniera più pratica «non vogliamo svenarci per un attaccante» è il ritornello che si ascolta con frequenza in via Roma. Con questi presupposti appaiono molto difficili gli approdi dell’ex attaccante del Cesena, Giovanni Ricciardo, che ha chiuso la stagione nell’Acireale (girone I) con 7 gol in 18 partite, e di Marco Castelli (14 gol nel Villa Valle), che aspetta una chiamata dalla Serie C.

Più plausibile il ritorno del trentaquattrenne Loris Tortori, che il Forlì aveva già cercato l’anno scorso. L’attaccante, reduce da una stagione da 10 reti in 29 partite a Fano, abita a Riccione e vorrebbe rimanere in zona quindi ha messo Forlì in cima alla lista. Tortori non è una prima punta ma potrebbe tornare utile nel 4-3-3 di Graffiedi come uomo di raccordo e di spogliatoi. Invece Matteo Colombi, torre di 190 centimetri, arriverà a Forlì ma solo come … avversario. L’attaccante reduce da una stagione eccellente con 18 gol a Campodarsego sembra orientato ad accettare le lusinghe del Prato.

Graffiedi, le certezze, Gkertsos

Alle conferme che verranno annunciate solo ad inizio luglio, sta lavorando alacremente il diesse Sandro Cangini. Intanto si può abbozzare una prima rosa di nomi a disposizione di Mattia Graffiedi. Tra i pali Ravaioli e Stella, in difesa Fabbri (su cui ha messo gli occhi l’Olbia), Pezzi, Ronchi e Malandrino, con Marzocchi e Sedioli di ritorno, a centrocampo i due Ballardini, Rrapaj, Piva, Nisi e forse Scalini. Davanti il primo arrivato Diego Vita, Manara e Amaducci. Poi c’è la posizione di Andreas Gkertsos: è sotto contratto con il Forlì per un altro anno ma non è più un under e quindi potrebbe non essere confermato.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui