Calcio D, Dossena: “Ravenna, l’obiettivo resta provare a vincerle tutte”

Sei punti in quattro giorni, aspettando il Natale. Non è certo all’insegna della dieta di classifica la programmazione del Ravenna per le due gare che chiuderanno il 2021 giallorosso, quindi oggi (14.30) a Castelmaggiore contro il Progresso e mercoledì prossimo sul campo del Borgo San Donnino. Pronostico, in entrambi i casi, per i romagnoli, come lo era però a Correggio ed a Milano contro l’Alcione. Per questo la spia dell’allarme dovrà giustamente accendersi, ma l’impressione attuale è che il Ravenna sia maturato, migliorato ed abbia anche tratto grande giovamento dal mercato. Per avere ulteriore conferma, quindi, ci si aspetta innanzitutto una vittoria oggi, poi si penserà al Borgo San Donnino.


Battaglia agonistica

E’ questo anche il pensiero espresso da Andrea Dossena nel prepartita di ieri: «Prendiamo sempre una partita alla volta, senza guardare troppo in là. Per questo non voglio stravolgere nulla anche se è bene specificare che per me non ci sono titolari e riserve, ma decide sempre il campo. L’ho appena detto a Mendicino, arrivato a Glorie a fine allenamento. Mi ha detto che si allenava da solo da due settimane e quindi fisicamente non sarà facile arrivare al nostro livello attuale, però le due settimane di sosta del campionato gli faranno certamente bene».
Passando all’obiettivo immediato, ecco la valutazione del tecnico lombardo: «Il Progresso gioca con il rombo, ha i difensori centrali squalificati e la mette soprattutto sull’agonismo. Potrebbe essere quindi una partita brutta e insidiosa per noi, che però vogliamo continuare a vincere. Senza la dovuta cattiveria avremo problemi però ho visto bene la squadra e debbo essere fiducioso. Servirà sentire il pericolo vicino per prestare grande attenzione, come abbiamo fatto dopo Carpi». Chiusura su un mercato generoso: «E’ in gruppo Belli, giocatore che ha passo, sostanza e cattiveria agonistica per recuperare palla. Con l’arrivo di Mendicino, giocatore simile a Guidone che ci permetterà di fare lo stesso tipo di gioco, sono senza dubbio soddisfatto della rosa. L’obiettivo resta provare a vincerle tutte, è chiaro che se il Rimini dovesse continuare così non si potrà prendere, ma andiamo avanti per la nostra strada».


Ecco Mendicino

Il Ravenna ha quindi chiuso un mercato di dicembre promettente con Ettore Mendicino, attaccante classe 1990 svincolato dalla Sambenedettese. Mendicino arriva a Ravenna dopo una buona carriera ma ora al termine di una breve e poco proficua esperienza nelle Marche. Giocatore di esperienza e di spogliatoio, Mendicino dovrebbe essere utilizzato come vice-Guidone, anche se in carriera si è distinto spesso come seconda punta.


La formazione

Dossena schiererà il 4-3-3: Botti; Haruna, Antonini Lui, Polvani, Grazioli; Prati, Lussignoli, Calì; Saporetti, Guidone, Podestà.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui