Calcio D, con Gkertsos il Forlì non si annoia mai

Vincere aiuta a vincere, è vero, ma a volte anche dalle sconfitte si può uscire a testa alta e con l’umore più alto. La situazione è perfettamente adatta ai galletti di questa settimana, reduci dalla sconfitta con il Lentigione di domenica scorsa, ma con la consapevolezza di essersela giocata alla pari con una delle prime della classe. Ora tutti i segnali lanciati devono trovare conferma domenica quando alle 14.30 arriverà al Morgagni il Prato in una partita cruciale per continuare a cullare i sogni play-off e chiudere il discorso salvezza.
A Sorbolo fino al 33’ c’è stato anche un certo equilibrio e la partita in un modo o nell’altro era piuttosto indirizzata verso la sponda romagnola. Poi l’inevitabile calo fisico, visti i tantissimi impegni ravvicinati, ha rimesso il match nelle mani dei padroni di casa che comunque per tutti i 90’ hanno fatto valere la loro posizione in classifica dominando per quello che riguarda il gioco. Il fatto che tutto l’ambiente abbia reagito senza particolari sconquassi digerendo senza strascichi il ko è un evidente passo in avanti ed una dimostrazione di maturità.
Lo sa bene uno dei protagonisti delle ultime stagioni, vale a dire Andreas Gkertsos. «Abbiamo già voltato pagina. Stiamo pensando tutti alla prossima partita, preparandola nel miglior modo possibile per arrivare subito pronti non appena ci sarà il calcio d’inizio. Nelle ultime settimane c’è un po’ di serenità, c’è un clima tranquillo grazie alle buone prestazioni e alle vittorie che abbiamo portato a casa».
Poi il jolly biancorosso prosegue spiegando quella che è stata la sua evoluzione con l’arrivo di Graffiedi che l’ha visto avanzare nel ruolo di terzo di attacco quando prima giocava a tutta fascia nel 3-5-2 o addirittura terzino nella difesa a 4.
«Mi piace il mio nuovo ruolo ma per me non è un problema. Dove l’allenatore mi dice di giocare io gioco, sono a completa disposizione in base alle esigenze. Per quanto riguarda la squadra stiamo cercando di migliorare giorno dopo giorno e alla fine vedremo dove saremo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui