La delusione di Mattia Bortolussi a fine partita (foto Gianmaria Zanotti)

«Abbiamo disputato un grande primo tempo, o almeno i primi 38 minuti sono stati di altissimo livello e abbiamo avuto 4-5 situazioni per raddoppiare. Poi sono stati commessi due macro-errori che hanno ribaltato il match. Nello specifico la perdita di possesso in modo banale sul secondo gol e l’uscita che ci ha messi fuori giri in occasione del momentaneo 1-1. Quegli errori hanno condizionato troppo anche la ripresa». Così William Viali al termine del match perduto 1-3 dal Cesena contro la Virtus Verona e che ha fermato la striscia positiva dei bianconeri a 11 risultati. Partita strana, con il Cesena in palla-gol 7 volte nei primi 38 minuti, quindi sotto 1-2 al 41′ e incapace di rendersi poi pericoloso da lì alla fine, prima della quale è giunto l’1-3 di Delcarro. «Abbiamo servito su un vassoio agli avversari la loro partita ideale. Loro sono bravi a difendersi di squadra negli ultimi 25 metri e a fare densità: noi ci abbiamo provato con le ampiezze sugli esterni, facendo coppie in fascia per aprirli ma non era facile perché la Virtus è anche una squadra fisica. Andare all’intervallo in svantaggio ha complicato maledettamente tutto».
Cinismo ospite
Questi i voti del Corriere Romagna: Nardi 6; Ciofi 4.5, Ricci 5.5, Maddaloni 5.5, Favale 5; Ardizzone 6, Petermann 6.5, Steffè 5 (14’ st Capanni 5); Zecca 4.5 (14’ st Borello 5), Bortolussi 6, Russini 5.5 (32’ st Nanni 5.5).

Argomenti:

Lega pro

SERIE C GIRONE B

Virtus Verona

William Viali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *