Calcio C, Rimini, riecco Allievi: “Sono stati mesi duri”

Dopo oltre due mesi di assenza e 13 partite saltate, Nicholas Allievi è tornato finalmente in campo. Anche se il risultato non ha sorriso al Rimini, vista l’eliminazione agli ottavi di Coppa Italia di C, rimane una bella notizia il recupero del trentenne difensore centrale. Il calvario attraversato sembra definitivamente alle spalle: «Ho avuto un doppio problema nel riscaldamento di Entella-Rimini. Durante un esercizio di possesso palla mi sono procurato una distorsione alla caviglia e una lesione muscolare. Sono stati mesi duri: è brutto per un giocatore non poter aiutare la squadra ma ho lavorato ogni giorno per rientrare il prima possibile. Sono contento della mia prestazione contro il Vicenza: a livello fisico mi sentivo bene, peccato però per il risultato».

Il Rimini è stato eliminato ai rigori dal Vicenza dopo una partita infinita in cui il rammarico più grosso è stato il gol di Ierardi al 95’: «Senza dubbio. Affrontavamo una squadra forte ed attrezzata ma pareggiarla a pochissimo dal traguardo per un mix di disattenzione e sfortuna dispiace. Nei supplementari è subentrata un po’ di stanchezza, mentre i rigori sono una lotteria: a volte vinci, altre perdi».

Ad Allievi però non va giù un episodio all’interno di una partita in cui sono volati cartellini a raffica: «L’espulsione di Sereni è assurda: il nostro attaccante non commetterebbe mai scorrettezze simili e il difensore gli è andato addosso. L’arbitro ha alzato il cartellino in ritardo perché ha visto uscire un po’ di sangue: in ogni caso per noi non deve essere un alibi».

Allievi promuove anche il nuovo modulo: «E’ la terza partita con il 3-5-2 e si sono viste più sicurezze e maggor fiducia rispetto agli inizi. Dal punto di vista della prestazione siamo in crescita. Come uscire dalla crisi di risultati? Lavorando. Ma anche amalgamandoci di più come gruppo: lo stiamo già facendo quindi sono sicuro che usciremo presto da questo periodo».

A detta di Allievi, la difesa si è comportata bene anche senza di lui: «La squadra va valutata nel complesso, non è solo per colpa della difesa se si subisce gol ma penso che chi ha giocato al mio posto abbia fatto bene, sia Pietrangeli sia Panelli».

Il Rimini si sta preparando alla trasferta di domenica contro la Recanatese, squadra capace di collezionare 11 punti nelle ultime sei partite con l’ultimo blitz prestigioso di domenica a Gubbio. Insomma, i marchigiani sono in grande forma quindi per i biancorossi si prospetta un match insidioso: «E’ una partita importante, difficile come tutte. La Recanatese è in fiducia e sarà molto motivata ma noi andremo là con lo spirito giusto. Dovremo giocare con intensità».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui