Una partita da non fallire mercoledì (ore 17.30) al Benelli. Il decimo turno di campionato tra Ravenna FC e Gubbio, infatti, è una gara che ha molteplici risvolti che la rendono
assolutamente interessante. In primo luogo le motivazioni di entrambe le squadre, da una parte il Ravenna che vuole mantenere la striscia positiva che lo vede vincente nelle ultime tre gare casalinghe, dove ha costruito il suo bottino di punti. I giallorossi inoltre vorranno sicuramente scacciare il malcontento derivante dalla sconfitta maturata nel recupero contro il Matelica, dopo avere dimostrato il carattere di recuperare due reti. Dall’altra parte della barricata un Gubbio che a dispetto della composizione della rosa si trova all’ultimo posto in classifica, con una grande fame di punti ed una posizione che, per tutti degli addetti ai lavori, è tutt’altro che meritata. Guidata dal totem Torrente, la squadra eugubina pur non avendo ancora a disposizione Juanito Gomez, può contare su nomi di assoluta qualità quali Signorini, Malaccari, Pasquato. La partita sarà diversa dal solito anche per il tecnico giallorosso Magi, che in Umbria ha passato due anni importanti della propria carriera, prima riportando il Gubbio in serie C, poi conquistando i playoff. Oltre al tecnico, tra gli ex ci sono Daniele Ferretti che di quel Gubbio fu un grande artefice e Marco Meli che vestì rossoblù nella scorsa stagione. Tutti a disposizione i giallorossi ad eccezione di William Jidayi che è stato fermato dal giudice sportivo dopo avere rimediato il quinto giallo di questa stagione. La speranza dei tifosi è di rivedere la squadra che ha ben figurato sia in casa, che nel secondo tempo di Macerata, quando le geometrie di Papa e Bolis hanno cambiato il volto della gara. Fischio d’inizio fissato per le 17.30 con la gara ancora disponibile gratuitamente per tutti sulla piattaforma digitale Elevensports. Le dichiarazioni di Magi: “Penso che a questo punto questa squadra abbia le caratteristiche per
fare una partita importante. Dobbiamo mettere in campo carattere e grinta in primo luogo. La
squadra che affrontiamo ha una classifica bugiarda, probabilmente, come noi, avranno avuto dei
problemi in questo avvio. Per quanto mi riguarda ho un bel ricordo degli anni di Gubbio, ma
adesso esiste solo il Ravenna e voglio che la squadra dimostri in campo il grande attaccamento a
questi colori e la grande voglia di superare le difficoltà di questo inizio stagione”.

Argomenti:

ravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *