Calcio C, Oggi si vota il nuovo format del campionato: nessun presidente delle romagnole sarà presente

A mezzogiorno di oggi nel Salone degli Imperatori dell’hotel Hilton Rome Airport, a Fiumicino, l’assemblea straordinaria elettiva delle 60 società di Lega Pro deciderà di rifare il look al campionato di Serie C del futuro prossimo. Spinto dal successo di pubblico dei play-off, il presidente Ghirelli ha lavorato tutta l’estate per trovare un format che riduca il più possibile la prima fase e che aumenti il numero dei derby e delle sfide che contano davvero sia in ottica promozione che in ottica salvezza. Così il 28 ottobre ha presentato il suo progetto all’assemblea di Lega Pro e oggi chiede ai club il via libera per andare in Consiglio Federale a far votare il cambio di format a partire già dalla stagione 2023-2024 (anche se Ghirelli ha anche dichiarato di essere disposto ad aspettare un’altra stagione se la scelta della C venisse considerata da A e B una fuga in avanti).

Format complesso

Al via ci saranno sempre 60 squadre, che saranno divise in 6 gironi da 10 con suddivisione in base a criteri geografici. Fin qui tutto semplice. Al termine dei mini campionati da 18 giornate, le prime 5 classificate dei sei gironi accederanno alla Poule Promozione (30 squadre) e le ultime 5 scivoleranno in Poule Retrocessione (30 squadre). Ma attenzione, se chi è in Poule Promozione è già certo della salvezza, chi va in Poule Retrocessione potrà tornare a lottare per la promozione in B. Le prime due classificate dei 3 gironi da 10 squadre di Poule Retrocessione saranno infatti ammesse al primo turno dei play-off. L’ultima dei tre gironi retrocederà direttamente in D e sarà seguita dalle sei perdenti dei play-out (due sfide per girone con i seguenti incroci: 6ª contro 9ª, 7ª contro 8ª).

Per la B 32 squadre per 4 posti

Per quanto la Poule Promozione, anche qui ci saranno 3 gironi da 10 squadre ciascuno. Le prime tre classificate accedono alla Fase Finale e saltano così i primi tre turni dei play-off, a cui prendono invece parte le restanti 21 squadre di Poule Promozione (dalla 4ª alla 10ª dei gironi) più 6 di Poule Retrocessione. In totale a lottare per i 4 posti che conducono in B sono 32 squadre (o 33 se chi vince la Coppa era in Poule Retrocessione?). Al primo turno dei play-off entrano in gioco 18 squadre: le 6 di Poule Retrocessione, più decime, none, ottave e la peggior settima dei 3 gironi di Poule Promozione. Le 8 vincitrici accedono alla seconda fase play-off, dove si aggiungono loro le due migliori settime, le tre seste e la peggior quinta dei gironi di Poule Promozione, per un totale di 14 club che promuoveranno 7 squadre alla terza fase. Sette squadre a cui si uniranno le due migliori quinte e le tre quarte dei 3 gironi di Poule Promozione. Le vincitrici di queste 6 sfide accederanno alla Fase finale insieme alla squadra che alzerà la Coppa Italia (servirà un’appendice del regolamento per spiegare i “salti” in avanti consentiti a chi vince la Coppa e quelli all’indietro a cui sarà costretta una squadra) e alle 3 migliori dei tre gironi di Poule Promozione che avevamo già incontrato qualche riga fa.

La Fase finale

Quindi 16 squadre alla Fase finale che daranno vita a 8 semifinali (teste di serie le 3 prime, le 3 seconde e le 2 migliori terze dei gironi di Poule Promozione), con gare di andata e ritorno con annessi supplementari e rigori da cui usciranno i nomi delle finaliste che daranno vita a 4 sfide senza domani nelle quali chi vince, al termine delle gare di andata e ritorno con tanto di supplementari e rigori, festeggia la promozione in B e chi perde deve tornare all’inizio a studiarsi di nuovo tutta questa formula per la stagione successiva.

Nessun presidente romagnolo

Le formazioni romagnole non saranno rappresentate dai loro presidenti. I due co-presidenti del Cesena, Robert Lewis (anche consigliere di Lega Pro) e John Aiello, sono negli Usa e saranno “sostituiti” dal segretario generale Marco Valentini e dal consigliere d’amministrazione Massimo Agostini; il Rimini avrà il direttore generale Franco Peroni al posto  del presidente Alfredo Rota; per l’Imolese non ci sarà il patron Giuseppe Deni ma il segretario generale Francesco Filippazzo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui