Calcio C, novembre ha detto che il Cesena può arrivare lontano

La sigla di chiusura del mese di novembre l’hanno cantata, al fischio finale di Entella-Cesena 3-1, i 134 tifosi bianconeri presenti a Chiavari: “Siamo sempre con voi”. Novembre era il mese della verità ed è stato digerito con il sorriso, al di là dell’inciampo contro un’Entella forte e in poderosa risalita dopo la falsa partenza. Il saluto e gli applausi del popolo bianconero hanno chiuso un tour di quattro partite che, parole di un mese fa, sarebbe servito per rispondere a una domanda: dove può arrivare il Cesena? Dopo aver sfidato Pescara, Reggiana, Fermana e Virtus Entella, cioè le tre ambiziose retrocesse dalla B e una mina vagante in grande forma, si può rispondere: in fondo. Cosa significa? Che oggi il primo posto non sembra alla portata, perché ci sono almeno due squadre superiori al Cesena, ma un posto al sole nei play-off, partendo dal 3° o 4° posto del girone, è possibile.

Rendimento

Due vittorie in casa, un pareggio e una sconfitta in trasferta. A novembre la Romagna bianconera ha cambiato abitudini. Letale lontano dal Manuzzi, la squadra di Viali ha rallentato in trasferta conquistando solo un punto (ma in due dei tre campi più difficili del girone) e fatto percorso netto all’Orogel Stadium, dove ultimamente Caturano e company hanno rimesso le cose a posto: nelle 5 partite dopo Cesena-Modena solo la Pistoiese è riuscita a salvare la pelle e a strappare un punto. Se nelle prime 12 giornate di campionato il Cavalluccio viaggiava a 2.08 punti a partita (25 totali), nel mese di novembre la squadra ha leggermente sporcato il proprio passo (7 conquistati su 12 per un parziale di 1.75) e ora si è attestata a 2 punti a gara (32 in 16). Morale: se il coefficiente di difficoltà si è notevolmente alzato, il rendimento del Cesena è lievemente peggiorato, col distacco dalla vetta passato da 3 a 4 punti.

Confronto

Il 1° novembre, dopo aver pareggiato in casa contro la Pistoiese, i bianconeri erano secondi a -3 dal 1° posto della Reggiana e a +1 sul Modena 3°, con Ancona Matelica e Pescara quarte a 5 lunghezze. Un mese dopo, il Cesena ha perso un punto dalla vetta e una posizione in classifica. Il dato più positivo riguarda ciò che avviene alle spalle del Cavalluccio, dove solo l’Entella (e qui pesa lo scontro diretto di domenica) ha guadagnato punti sull’undici di Viali. A inizio mese i liguri erano a metà classifica a quota 16 e oggi sono quarti con 26 punti. Questo perché solo una squadra (il Modena) ha fatto meglio dell’Entella: i canarini sono stati gli unici a vincere tutte le gare del mese, con la squadra di Volpe a quota 10 e il sorprendente Pontedera a 9. Meglio del Cesena nell’ultimo mese hanno fatto anche la capolista Reggiana (8) e la Lucchese (8), mentre a 7 punti con il Cesena ci sono Olbia e Montevarchi. Staccatissime le deludenti Siena (3), Ancona (2) e Pescara (2), le vere bocciate di novembre, sulle quali il Cavalluccio ha dilatato il proprio vantaggio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui