Calcio C, nessuna lesione per Ciofi ma niente Cesena-Imolese

William Viali lo avrebbe tenuto comunque a riposo, non essendosi mai fermato, ma a questo punto Andrea Ciofi non andrà neppure in panchina domani sera contro l’Imolese. La risonanza magnetica alla quale si è sottoposto il difensore ha rilevato uno sfumato edema muscolare su una pregressa cicatrice al retto femorale sinistro (risalente all’infortunio di un anno fa). L’ecografia ha escluso la presenza di una lesione muscolare: si tratta di un infortunio più leggero da gestire giorno per giorno e che potrebbe consentire a Ciofi di tornare a disposizione già domenica 25 aprile a Bolzano (in caso di bisogno) o più prudentemente domenica 2 maggio al Manuzzi contro l’Arezzo in occasione dell’ultima giornata di campionato con vista sui play-off. Per il resto salteranno il derby gli infortunati cronici Ardizzone, Capanni e Borello, che continuano i rispettivi percorsi riabilitativi, mentre torneranno a disposizione Gonnelli e Steffè. Oggi pomeriggio a Villa Silvia è in programma la rifinitura, nella quale Viali risolverà gli ultimi dubbi di formazione.

Dopo appena due giorni dall’apertura dell’asta benefica sono già stati raccolti oltre 4.000 euro in favore del progetto “Pediatria a misura di bambino”. Tra le 58 maglie collocate su eBay al momento la più “battuta” è quella del bomber Bortolussi che ha raddoppiato la base d’asta di 80 euro, seguita da quelle di Nardi e Collocolo. Oltre i 100 euro anche le casacche di Zecca, Capellini, Russini, Di Gennaro, Ciofi, Caturano e Capanni. All’asta ci sono le maglie che i calciatori bianconeri indosseranno domani contro l’Imolese: si tratta della terza divisa sulla quale sono riportati i nomi di tutti i 975 giocatori che hanno vestito i colori bianconeri negli 80 anni di storia del club. La raccolta fondi si chiuderà il 24 aprile e per partecipare basta accedere alla seguente pagina: https://www.ebay.it/usr/cesenacalcio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui