Una sconfitta che a fine primo tempo sembrava inevitabile, al terzo minuto di recupero della ripresa è sembrata una clamorosa beffa per il Ravenna. Con l’uomo in più, dopo aver rimontato il doppio svantaggio con il solito Mokulu, i giallorossi sembravano avviati a cancellare lo zero dalla casella dei punti conquistati fuori casa, anzi stavano cercando di sfruttare la superiorità numerica per andare a vincere. Invece la difesa si è addormentata (come quella di casa sul pareggio) ed ha regalato a Moretti, entrato dalla panchina, la rete di una vittoria incredibile. Quella del Ravenna in trasferta è ormai una maledizione, il tecnico giallorosso Beppe Magi a partita finita da qualche tempo ancora non può darsi pace: “Partendo dall’inizio ho visto il Ravenna cercare di comandare sall’inizio alla fine. Abbiamo preso però ancora tre gol, tutti strani. Avevamo riacciuffato la partita poi c’è stata la beffa finale, ma non tutto accade a caso. Evidentemente dobbiamo ancora fare il passettino necessario per fare risultato. Siamo giovani, ok, ma queste partite non devi perderle. Siamo a cinque sconfitte in trasferta su cinque, spero proprio che alla fine del campionato questi punti che non abbiamo conquistato, a partire da oggi, non debbano pesare sulla classifica”. Adesso alle porte c’è un infrasettimanale già cruciale contro il Gubbio: “Questa squadra ha tanta strada da fare, tutta in salita. Domenica ci mettiamo nuovamente al lavoro perché mercoledì c’è una gara importante. A Macerata potevamo cancellare lo zero dai punti in trasferta, non ci siamo riusciti e dobbiamo chiederci perché. Io passerò la notte in bianco, i giocatori potrebbero fare lo stesso secondo me”.

I voti del Ravenna del Corriere Romagna: Tonti 5; Alari 5.5 (49’ st Sereni n.g.), Jidayi 6, Marchi 6; Franchini 6, Fiorani 6 (1’ st Papa 6.5), De Grazia 6 (35’ st Bolis n.g), Meli 5.5 (35’ st Marozzi n.g.), Perri 6; Mokulu 6.5, Martignago 5.5 (24’ st Ferretti 6).

Argomenti:

Magi

Matelica

ravenna calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *