Calcio C, l’Imolese fa ricorso d’urgenza per Gianluca Turchetta

«Dopo aver ricevuto il referto della Procura Federale abbiamo analizzato il video di Eleven Sports della partita Fermana-Imolese e, per ulteriore conferma, anche il video realizzato dal nostro match analyst. Dalle immagini appare abbastanza evidente che Turchetta fosse in silenzio. L’espressione blasfema che il Procuratore federale ha udito al minuto 77 è stata con ogni probabilità proferita da altra persona e non dal nostro giocatore. Per questo la società ha deciso di presentare formale ricorso». Così, ieri sera, il direttore sportivo dell’Imolese, Aniello Martone. Il ricorso contro la giornata di squalifica inflitta a Turchetta verrà quindi discusso oggi e il club rossoblù confida di avere lo stesso trattamento ottenuto una settimana fa dal Sassuolo per Frattesi, riabilitato in quanto dalle immagini si notava come non fosse stato lui a preferire espressione blasfema.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui