Calcio C, Imolese: spunta Platone e spunta anche un punto

Un occhio davanti e uno dietro. Sarà così da qui alla fine per l’Imolese che, dopo il pareggio con l’Entella, ha sì guadagnato un punto sul Grosseto ultimo in classifica ma deve cominciare anche a tenere a portata di mano la calcolatrice per evitare che il distacco dal quartultimo e quintultimo posto superi quegli 8 punti che significherebbero retrocessione diretta. Fermana e Teramo sono a +6 dopo una giornata che ha visto l’Imolese tornare a segnare su azione grazie a Nicolas Belloni, in gol su assist di De Feo.

Il trasformista Fontana

Belloni e De Feo, due giocatori che sono usciti dalla panchina in una partita giocata a ritmi “camminati” da parte dell’Entella e che ha visto l’Imolese per l’ennesima volta proporre una formazione e un modulo diversi rispetto alla gara precedente. Quello che una volta era il dogmatico 4-3-3 di Fontana ha lasciato spazio a qualsiasi tipo di modifica nel girone di ritorno, visto che si è vista la difesa a tre quella a 5 (come accaduto sabato contro i liguri) mentre in avanti Fontana ha provato con i due centravanti poi con il trequartista e infine con un improbabile (ed improponibile) Alessandro Lombardi seconda punta nel 5-3-2.

Lombardone e Platone

A proposito di “Lombardone”, la sua posizione in avvio di ripresa come terzino destro è stata una mossa incomprensibile: sarebbe stato interessante, se il patron De Sarlo non avesse deciso da mesi che il silenzio stampa è il modo migliore per silenziare le perplessità di Imola e degli imolesi, chiedere spiegazioni a fine partita a tal Vincenzo Platone. Che fa rima con Martone: lo scorso anno della Primavera 3 della Casertana, Platone è stato assunto dal direttore sportivo, ovviamente senza comunicazione alcuna, come vice di Fontana dopo l’addio di Zecchi. Oltre all’allenatore in seconda, Martone ha voluto incidere con… filosofia e ha messo lo zampino anche nella maglietta motivazionale (“è finita si dice alla fine: 1% = 99%”) indossata dai rossoblù nel pre-partita per esorcizzare il momento difficile e ricordare a tutti che non è finita finché non è finita.

Liviero e Matarese, è finita

Sarà così per il destino dell’Imolese, ma di sicuro la stagione è finita per tre giocatori: oltre a Rossi, infatti, i gravi infortuni muscolari di Liviero e Matarese segneranno quasi certamente il capolinea di questa annata.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui