Calcio C, Imolese: ora servono gol sul mercato

Com’è lontano il 23 ottobre. Sembra passata un’era geologica ed invece sono passati solo 2 mesi dal giorno dell’ultima vittoria dell’Imolese che strapazzò il Grosseto. Quella cinquina certificò come la squadra di Fontana in quel momento avesse il miglior attacco del girone con quella quota 19 in classifica che significava 1 punto in più dell’Imolese meravigliosa di Dionisi. Poi è arrivato l’inverno, freddo e gelido nei numeri e nella sostanza di una squadra che si è inceppata conquistando due pareggi in 8 partite ma soprattutto si è piantata in zona gol, visto che in 5 delle ultime 8 uscite non è riuscita più a segnare. Certo, il Pescara non era certo l’avversario più comodo per ritoccare una statistica che è decisamente preoccupante ma la gara di domenica scorsa ha confermato tutto ciò che già si sapeva, ovvero che in avanti le cose non funzionano più come era accaduto fino alla gara con il Gubbio, ovvero l’ultima nella quale l’Imolese è riuscita a fare punti al Galli. Le 3 sconfitte di misura contro la “crema” del campionato confermano che questa Imolese se la può giocare con tutti ma la sensazione sempre più evidente è che, esattamente come accade nella vita di tutti i giorni, a questa squadra serva la finestra del mercato intervenendo in quel ruolo (ovvero il centravanti) nel quale è carente. De Sarlo che conferma come lui ed il gol non si siano ancora presentati, Belloni finito nel dimenticatoio e che fatica a ritrovare il filo del discorso: là davanti le cose non funzionano e dopo la partita con la Lucchese (che è alle prese con 3 positività da Covid nel gruppo squadra e che viene da 4 risultati in fotocopia, ovvero 0-0) la prossima settimana è previsto un vertice fra Antonio De Sarlo e Aniello Martone. Un incontro nel quale si capirà se i piani di inizio stagione, ovvero quelli che prevedevano la possibilità di interventi sul mercato a gennaio per correggere eventuali problemi emersi nel girone di andata, sono ancora da considerarsi validi oppure se qualcosa sia cambiato. Nel frattempo, la designazione di Ancora di Roma per la gara in trasferta a Lucca potrebbe essere un segno del destino: con il fischietto romano, infatti, l’Imolese ha vinto la sua ultima gara in trasferta a Olbia con Angeli e Benedetti a bersaglio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui