Calcio C, Imolese in campo a Lucca per stupire ancora

Era stata la prima trasferta del 2022, sarà la prima trasferta della nuova stagione. Otto mesi dopo, l’Imolese torna al Porta Elisa ospite della Lucchese per avere ancora una volta la risposta a una domanda. Se in occasione del viaggio di gennaio il dubbio era legato all’impatto che il Covid aveva avuto sulla rosa di Fontana colpita a cavallo delle feste natalizie, stavolta la domanda riguarda la consistenza dei rossoblù davanti a una squadra costruita in maniera diversa da quell’Alessandria “da salvezza sostenibile” battuta grazie al rigore di Stijepovic.

La Lucchese infatti è un avversario che, esattamente come i rossoblù di Antonioli, è decisamente diverso rispetto all’anno scorso non solo a partire dalla panchina (timone affidato a Maraia dopo che Pagliuca ha traslocato a Siena), ma anche dai protagonisti in campo, dove i rossoneri hanno inserito diversi elementi di sostanza per la C (Bianchimano, Franco, Romero) per cercare qualcosa in più di una tranquilla salvezza. Rossi, Cerretti e De Sarlo: tutti e tre in campo in quel 3-3 di inizio gennaio con De Sarlo che segnò quello che resta finora l’unico gol con la maglia dell’Imolese che indosserà anche oggi sempre in coppia con Stijepovic.

Confermare quanto di buono fatto a nella prima giornata di campionato è obiettivo comune di entrambe. Per la Lucchese che ha perso a Reggio Emilia (contro una squadra che correrà per altri traguardi rispetto a quelli dei rossoneri) si ragiona a livello di prestazione, per l’Imolese che proverà a salvarsi si ragiona anche a livello di risultato visto il successo ottenuto con l’Alessandria che ha permesso ai ragazzi di Antonioli di cominciare con il piede giusto l’avventura nella nuova Serie C.

PRIMAVERA 2 GIRONE B

Imolese, che esordioAntonioni e Likendjastendono l’Entella

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui