Calcio C, il Rimini di Coppa farà sul serio

Una volta, quando arrivava la Coppa Italia, soprattutto a campionato iniziato, si diceva che era il turno delle “seconde linee”. Ora, in tempi di rosa allargata quasi quanto le famiglie, in tempi in cui il concetto di gruppo pesa più di ogni altra cosa, si dice che è il momento di chi «ha messo insieme minor minutaggio». Sarà così, almeno in parte, anche per l’esordio odierno del Rimini ad Ancona in Coppa.

La carica di Gaburro

In conferenza stampa l’allenatore Marco Gaburro è stato chiaro: «Sarà una partita sicuramente di livello perché la rosa dell’Ancona è molto competitiva. È una squadra che è stata costruita per fare un campionato di vertice. L’Ancona viene da un momento difficile e quindi penso che utilizzerà la partita di Coppa per ritrovare o consolidare determinati aspetti. Penso sia un match importante per tutte e due anche dal punto di vista sportivo. Sappiamo l’importanza della Coppa Italia come competizione, conosciamo le chance che ti dà (la qualificazione ai quarti dei play-off, ndr), quindi andrà in campo una formazione che sarebbe in grado di vincere qualunque partita di campionato. Farò dei cambi, questo è chiaro, perché voglio gestire le energie il più possibile e voglio andare in difficoltà, voglio uscire dalla partita di Ancona con dei dubbi per Gubbio. La squadra che andrà in campo sarà molto competitiva in tutti i reparti».

Il tecnico veneto avverte sulle qualità dei marchigiani:

«È una squadra che fa un calcio offensivo, segna tanti gol e prende tanti gol. L’Ancona sa molto cambiare in campo, in questo modo riesce ad esaltare le qualità dei giocatori davanti che hanno grandi mezzi».

Insomma, per Gaburro la Coppa Italia di serie C è attraente e quindi vale la pena cercare la qualificazione con ogni mezzo. «Penso sia la competizione più importante dei vari campionati: ti dà un accesso importante e diretto ai play-off. Ha un valore intrinseco importante, riconosciuto, tangibile, innegabile. E poi quando si giocano partite ufficiali i giocatori, i tifosi, la società devono sapere che se fai bene fai bene, se fai male ti allontani dalla possibilità di giocare. Secondo me i ragazzi la vedono e lo sentono così questo incontro, devono trasmettere a me e all’ambiente la sensazione che a Gubbio vogliono giocare. Bisogna cercare di portare a casa la qualificazione».

Altra utilità intrinseca della Coppa è quella di portare a “misura” il minutaggio di qualche titolare reduce da infortuni o ritardo nella condizione: «C’è anche questa necessità, il tutto rientra sempre nell’ambito di una valutazione generale. Le previsioni nelle partite ufficiali non si possono fare al cento percento. Anche se ci sono cinque cambi, bisogna poi utilizzare le pinze nelle valutazioni e bisogna ottimizzare un impiego omogeneo della rosa».

E in caso di passaggio del turno il Rimini potrebbe giocare un altro derby con il Cesena che all’esordio in Coppa se la vedrà in casa con la Fermana. Per Gaburro non è un’ossessione: «Non abbiamo bisogno di questa spinta per dare importanza alla partita, sappiamo che è una gara ufficiale e sappiamo anche il valore dell’Ancona. Se ci sarà da giocare con il Cesena vedremo ma non ci serve per avere altri stimoli».

Oltre agli infortunati, Gaburro si appresta ad effettuare un sostanziale turn-over. Quattro assenti e tre titolari certi. Rosso rientrerà domani o venerdì, rimane in forte dubbio per Gubbio. Allievi, Mencagli e Lo Duca invece sono ancora fuori. Giocheranno sicuramente Galeotti, Haveri ed Eyango.

La partita è a eliminazione diretta. In caso di parità al termine dei 90′minuti regolamentari, saranno disputati due tempi supplementari della durata di 15 minuti ciascuno, perdurando la parità si procederà con i calci di rigore.

Le formazioni

Queste le formazioni che scenderanno in campo alle ore 14.30 allo stadio Del Conero agli ordini dell’arbitro Aleksandar Djurdjevic di Trieste.

ANCONA (4-3-3): Vitali; Barnabà, Mondonico, Fantoni, Brogni; Pecci, Prezioso, Simonetti; Di Massimo, Mattioli, Petrella. A disp.: Piergiacomi, Mezzoni, De Santis, Bianconi, Martina, Paolucci, Gatto, Berardi, D’Eramo, Lombardi. All.: Colavitto.

RIMINI (4-3-3): Galeotti; Tofanari, Gigli, Panelli, Haveri; Tanasa, Rossetti, Eyango; Sereni, Vano, Piscitella. A disp.: Zaccagno, Laverone, Pietrangeli, Regini, Acquistapace, Pasa, Tonelli, Delcarro, De Rinaldis, Gabbianelli, Santini, Accursi. All.: Gaburro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui