Calcio C, il Rimini dà il benvenuto a Tofanari

Non c’è due senza tre. Dopo Del Carro e Sereni, il Rimini ha pescato dall’Ancona il terzino Niccolò Tofanari. L’esterno destro fiorentino, classe ’98, arricchisce così un reparto in cui ci sono anche Laverone e Lo Duca. Venerdì in tarda serata è arrivata la firma sul biennale, ieri i primi due allenamenti e oggi forse un assaggio di partita nell’amichevole a Padova. «Ho subito avvertito sensazioni molto positive – racconta Tofanari – Nell’ultimo mese e mezzo stavo seguendo un programma individuale ma non ci vorrà molto tempo per mettermi in pari. Il mio approdo in biancorosso? Conosco da tempo Carlo Cherubini, qualche settimana fa mi aveva chiamato, quindi sapevo dell’interessamento. Poi ci siamo risentiti e mi ha convinto soprattutto il progetto ambizioso».

Per Tofanari sarà ancora più facile integrarsi visto che con alcuni giocatori ha condiviso fino a qualche mese fa lo spogliatoio. «Sì, tutti bravi ragazzi a cui piace stare sul campo e fare gruppo. Poi, nonostante la differenza d’età, conoscevo anche Piscitella dai tempi della Roma Primavera e pure lui mi ha parlato benissimo di questa realtà. Sicuramente ci sono molti compagni che hanno già esperienza in categoria, la squadra è competitiva e tutto lo staff è composto da persone umili e grandi lavoratori».

Tofanari vanta oltre 130 presenze in serie C (considerando anche gli spareggi) con le maglie di Pontedera, Gubbio, Fano, Matelica e Ancona, oltre ai due gettoni collezionati ad Ascoli in B. Insomma, l’esperienza non manca, eppure sulla sua corsia c’è un certo Laverone, che almeno teoricamente è in vantaggio nelle gerarchie. «Io lavorerò al massimo e cercherò di farmi trovare pronto, tutti vorrebbero giocare ma le scelte poi spetteranno al tecnico Gaburro. A parlare sarà il campo. Nella prima fase della passata stagione, seppur sia ancora giovane, sono stato capitano nell’Ancona. La competizione sana serve in tutti i ruoli e aiuta ad alzare il livello e l’intensità già a partire dagli allenamenti. Sicuramente ho l’ambizione di fare bene e migliorare soprattutto nella spinta offensiva. Infatti vorrei confezionare più assist possibili per gli attaccanti senza dimenticare ovviamente la fase difensiva. Mi piace anche il palleggio e spero di essere una freccia in più nell’arco».

Tofanari è il classico terzino che può anche essere alzato a seconda delle necessità, seppur solitamente rarissimamente nel suo modulo Gaburro utilizzi l’esterno a centrocampo. «Ho sempre giocato principalmente a destra ma in caso di bisogno mi sono spostato anche a sinistra, così come a inizio carriera con i grandi ho giocato come “quinto” nel 3-5-2. Mi piace partire da dietro in corsa e, come ripeto, cerco il salto di qualità nel numero di assist«.

ORE 18.30 ALL’EUGANEO

Primo test di livelloper i biancorossicontro il Padova

In attesa di capire quale sarà la data ufficiale di inizio del campionato, il Rimini continua a mettere benzina nelle gambe e oggi affronta in amichevole il Padova (fischio d’inizio ore 18.30) all’Euganeo.

E’ ancora calcio d’agosto e non ci sono i tre punti in palio ma quello che sicuramente rende ancora più interessante la partita odierna è che per la prima volta in questa preparazione la squadra di Gaburro affronta una pari-categoria, tra l’altro molto ambiziosa (due finali play-off di fila perse).

Insomma, anche se l’obiettivo principale è oliare i meccanismi e aumentare la condizione, un’occhiata in più al risultato verrà sicuramente data. Qualche assenza in casa romagnola: oltre al lungodegente Lo Duca anche Mencagli è ancora out. L’attaccante toscano presto si sottoporrà a ulteriori esami strumentali per capire la reale entità del problema. Si aggiungono le assenze di Zaccagno (affaticamento all’adduttore) e Acquistapace (fastidio al ginocchio). A livello di mercato, dopo l’arrivo di Tofanari, il direttore sportivo Maniero sicuramente è alla ricerca di un difensore centrale (da decidere se tesserare Antei che comunque fisicamente sta reggendo) e un paio di attaccanti. Per quanto concerne gli abbonamenti, è stato superato il muro delle 1000 tessere.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui